Cercate un film da vedere a Natale? Entrate nello spirito delle festività scegliendo uno dei 7 classici che abbiamo selezionato per voi: commedie romantiche o horror, film di animazione o drammatici per sentirsi più buoni. Il lieto fine? Assicurato.

Una poltrona per due (1983)

È il film da vedere a Natale per antonomasia: questa commedia firmata John Landis lancia Eddy Murphy e una sorprendente Jamie Lee Curtis in versione sexy. La sceneggiatura è ispirata dal film Il forestiero di Ronald Neame, tratto da La banconota da un milione di sterline di Mark Twain. Il destino di ciascuno di noi è predeterminato dalla classe sociale cui apparteniamo? Due anziani e ricchi fratelli scommettono un dollaro su questa tesi e per verificarla mandano sul lastrico un giovane e rampante finanziere, Louis Winthorpe III (Dan Akroyd), e lo sostituiscono con uno straccione che mendica elemosina per strada simulando di aver perso le gambe e la vista durante la guerra del Vietnam, Billie Ray Valentine (Eddie Murphy). Ma l’imbroglio si ritorcerà contro la coppia di sadici vecchietti.

Ghostbusters – Acchiappafantasmi (1984)

Nel cult di Ivan Reitman ambientato a New York, tre giovani ricercatori di parapsicologia allontanati dall’università decidono di diventare cacciatori di fantasmi a pagamento, armati di trappole e zaini protonici. La loro attività decolla quando il lussuoso Sedgewick Hotel li ingaggia per intrappolare Slimer, un ingordo ectoplasma verde che infesta il dodicesimo piano. Ma Gozer, una malefica divinità sumera del 6000 a.C., sta per reincarnarsi e tornare sulla Terra aiutato da i suoi due adoratori, Zuul il Guardia di Porta e Vinz Clortho il Mastro di Chiavi. Gli Acchiappafantasmi riusciranno a evitare la fine del mondo? Nel cast Harold Ramis, Sigourney Weaver, Rick Miranis, Ernie Hudson, Annie Pots, William Atherto e Micheal Ensign. Indimenticabile Bill Murray. Celebre la citazione: «Who you gonna call? Ghostbusters!»

Harry, ti presento Sally (1989)

Uomini e donne possono essere solo amici? Cerca di rispondere a questa domanda Harry, ti presento Sally, la celebre commedia romantica di Rob Reiner con Billy Crystal e Meg Ryan. Harry e Sally sono destinati a incontrarsi ogni 5 anni: fra i due nasce un’amicizia sempre più complice; si trasformerà in amore? Sceneggiato dalla penna di Nora Ephron, il film ha dialoghi brillanti e un ritmo travolgente. Celebre la scena in cui Meg Ryan simula un orgasmo al ristorante e la dichiarazione d’amore di Harry, la sera di Capodanno: “Ti amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi, ti amo quando ci metti un’ora a ordinare un sandwich, amo la ruga che ti viene qui quando mi guardi come se fossi pazzo, mi piace che dopo una giornata passata con te sento ancora il tuo profumo sui miei golf e sono felice che tu sia l’ultima persona con cui chiacchiero prima di addormentarmi la sera. E non è perché mi sento solo. E non è perché è la notte di Capodanno. Sono venuto stasera perché quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita cominci il più presto possibile!”.

Tim Burton’s Nightmare before Christmas (1993)

Protagonista di questo film di animazione realizzato con la tecnica stop-motion è Jack Skeletron , annoiato re dell’immaginario Paese di Halloween che decide di rapire Babbo Natale e di organizzare lui stesso i festeggiamenti natalizi, con il solo risultato di spaventare i bambini. La bambola Sally lo aiuterà a trovare la felicità rimanendo se stesso. Si tratta di un film unico, visivamente ricchissimo e pieno di tenere e divertenti gag; la voce di Jack è di Renato Zero.

Piccole donne (1994)

Si tratta del quinto adattamento cinematografico del capolavoro di Louisa May Alcott, la cui regia viene affidata all’australiana Gillian Armstrong. Il film racconta la storia delle quattro sorelle March, allevate a Concord, in Massachussetts, dalla madre (Susan Sarandon) –una donna forte e amorevole- mentre il padre è al fronte. È il 1869 e si sta combattendo la Guerra di secessione americana. La bella e saggia Meg (Trini Alvarado), la sensibile e cagionevole Beth (Claire Danes), l’anticonformista e creativa Jo (Wynona Rider) e la piccola e indisponente Amy (Kirsten Dunst/Samantha Mathis) affrontano le ristrettezze economiche, si confrontano con i propri sogni e cercano ognuna il proprio posto nel mondo.

La fabbrica di cioccolato (2005)

Tim Burton firma il nuovo adattamento del romanzo di Roald Dahl, dopo il film Willy Wonka e la fabbrica del cioccolato del 1971 con Gene Wilder; ruolo di protagonista per Johnny Deep, bravissimo nell’impersonare il dandy strampalato e a tratti tenero, proprietario della celebre fabbrica che apre le sue porte per una visita premio a cinque bambini e ai rispettivi genitori. Charlie (Freddie Highmore) si dimostra da subito il più sensibile dei piccoli visitatori…

A Christmas carol (2009)

Il 3D stavolta è davvero straordinario: Robert Zemeckis è il regista di questo cartoon realizzato con la tecnica della performance capture che digitalizza la recitazione di interpreti in carne e ossa, Jim Carey interpreta ben 8 parti (Scrooge a cinque età diverse e i tre fantasmi) e tutto il cast è particolarmente prestigioso: Gary Oldman, Robin Wright Penn e Bob Hoskins danno vita alla più classica delle fiabe natalizie in cui il vecchio e tirchio Ebenezer Scrooge viene visitato da tre spettri che gli mostrano il suo passato, presente e futuro riuscendo a farlo cambiare e trasformandolo finalmente in un uomo buono.