Davvero per tutti i gusti i film al cinema nel weekend del 20-21 febbraio: si passa dall’impegno politico e civile passando per l’animazione della Disney e il divertimento più folle e terminando con la comicità demenziale e parodica.

The Danish Girl: dopo Il discorso del re Tob Hooper ritorna con un film di grande respiro che racconta la vera storia del pittore danese Einar Wegener, vissuto durante i primi anni del Novecento. Sposato e felice, l’uomo in seguito a un gioco erotico capisce di sentirsi a disagio nel corpo in cui è nato, per cui intraprende un lungo e tortuoso cammino che lo porterà a essere il primo beneficiario di un’operazione chirurgica di cambio del sesso. Nel cast il premio Oscar Eddie Redmayne e la candidata Alicia Vikander.

Deadpool: il supereroe più folle della Marvel debutta finalmente su grande schermo grazie alla tenacia di Ryan Reynolds. Mercenario chiacchierone in grado di rigenerarsi all’istante, Deadpool nasconde un passato tormentato per il quale esige vendetta. Per conoscere tutti i dettagli del film questo è il link da seguire.

Zootropolis: il nuovo film della Disney è ambientato in una città in cui tutti gli animali vivono in armonia, ognuno seguendo la propria natura. Judy Hopps è una coniglietta al suo primo giorno come recluta della polizia, incaricata di trovare i responsabili di una serie di misteriose sparizioni. Ad aiutarla una volpe truffaldina, Nick Wilde, inizialmente ben poco collaborativa. Se volete saperne di più cliccate questo link.

Fuocoammare: dopo Sacro GRA, che documentava le strane vite di coloro che abitano intorno al Grande Raccordo Anulare di Roma, Gianfranco Rosi torna con un documentario incentrato sulle esistenze che si intrecciano sull’isola di Lampedusa, quelle di chi vi è nato e quelle di coloro che lì arrivano dopo un lungo e pericoloso viaggio a bordo dei barconi.

Il caso Spotlight: Thomas McCarthy ci racconta la storia vera di un gruppo di reporter del Boston Globe che scoperchiarono nel 2001 un’enorme rete di pedofilia di cui erano responsabili alcuni preti, coperti dal silenzio della Chiesa e dei cittadini. Questa è la cronaca della loro coraggiosa indagine. In questo articolo il nostro approfondimento. 

Cinquanta sbavature di nero: come sarebbe andata a finire la storia di 50 Sfumature di nero se Christian Grey fosse stato un chiacchierone vanitoso ben poco esperto di sesso e Anastasia Steele una studentessa timida e prona alle umiliazioni sì ma dalla vivace carica erotica? Ce lo mostra il film di Mike Tiddes con Marlon Wayans. Qui maggiori dettagli sulla pellicola.

Onda su onda: Rocco Papaleo torna dietro la macchina da presa per questa commedia in cui interpreta un cantante in tour in Uruguay che si trova costretto a chiedere l’aiuto del cuoco di bordo della nave su cui si è imbarcato: la sua voce infatti è improvvisamente scomparsa e lui proprio non può perdere quest’occasione. Lo scambio di identità è così deciso, ma all’orizzonte si proflilano tanti equivoci divertenti. In questo articolo tutto quello che c’è da sapere sul film.