Settima edizione del Festival del Cinema di Roma. L’Auditorium Parco della Musica è pronto a riempirsi di celebrità, addetti ai lavori, spettatori, amanti della settima arte e amanti della vita. Si, ma chi ci sarà? Chi arriva? Cosa succederà sul Red Carpet? Le domande sono tante e le risposte iniziano ad arrivare.

Il Festival di Roma si prepara al debutto, e prepara a quanti converranno una vera e propria accoglienza da Oscar. A proposito di Oscar, sarà Dante Ferretti, glorioso scenografo che in coppia con Francesca Lo Schiavo ha conquistato per ben tre volte la statuetta, a occuparsi del Red Carpet dell’Auditorium, sul quale ci saranno diversi ospiti tra il 9 e il 17 novembre. Il tempo di liberarsi da un lavoro per un nuovo allestimento nel Museo Egizio di Torino, e poi sarà a disposizione dell’imponente installazione del tappeto rosso capitolini. Ecco cosa ha in mente Ferretti:

«Intendo costruire un’installazione che renda omaggio a Roma, la città che adoro. Credo in questo Festival e sono amico di Marco Müller: della Mostra di Venezia ho curato le scenografie per cinque anni e nel 2005 ho presieduto la giuria».

Anche il nome del Presidente della giuria del Festival è stato già designato. Per lui il nuovo direttore Marco Müller ha effettuato una selezione di segno prettamente cinefilo. Il Presidente della Commissione sarà Jeff Nichols. Giovanissimo, 34 anni, regista e sceneggiatore di punta del cinema indie (quello indipendente, per intenderci) d’oltreoceano. Nichols è autore di un film del calibro di Take Shelter, premiato a Cannes nel 2011, nonché di Mud, presentato in concorso sulla Croisette proprio nel 2012.

E l’Italia in giuria? Il rappresentante italiano è una rappresentante. Si tratta di Valentina Cervi, un’attrice di fama internazionale grazie al successo arrivatole con la serie tv True Blood.