Manca poco all’apertura dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma che quest’anno si svolgerà dall’8 al 17 novembre 2013 all’Auditorium Parco della Musica. Programma fittissimo tra ospiti di Hollywood, film in concorso ed omaggi ai grandi del cinema italiano.

Protagonista indiscussa del Festival sarà Jennifer Lawrence, premio Oscar per Il lato positivo, che a Roma presenterà Hunger Games – La ragazza di fuoco. Su tutti gli altri ospiti, invece, Muller è restio ad esprimersi e dichiara: “Stiamo parlando con i distributori dei film per i divi, a tempo debito lo saprete, comunque ci sarà una dose, regolare, a volte altissima di divismo. Ci saranno i mille volte del cinema del mondo”. Non si conosce ancora la madrina, Muller ha detto in merito: «non posso dirvi il nome ma sarà la ”mamma Roma” ideale». Per molti l’indizio porta a  Sabrina Ferilli, ma non c’è ancora l’ufficialità.

Ad aprire il concorso sarà il documentario L’amministratore del regista e sceneggiatore napoletano Vincenzo Marra, mentre il film del regista indiano Amit Dutta, Saatvin Sair (The Seventh Walk) chiuderà Cinemaxxi. Tre i riconoscimenti previsti per il concorso: il premio Cinemaxxi per il miglior film, il premio speciale della giuria e Cinemaxxi per il cinema breve. Ad assegnarli sarà una giuria internazionale presieduta dal regista Larry Clark e composta da Ashim Ahluwalia, Yuri Ancarani, Laila Pakalnina e Michael Wahrmann.

Marco Müller ha spiegato, inoltre, che il programma è concepito con una “trasversalità rispetto al continente del visivo che ha bisogno di linguaggi che ci permettano di trovare un orientamento tra le immagini del presente. E il cinema può servire proprio a questo. Ci piaceva l’idea di sfidare il comune senso del reale e di mostrare che le barriere tra documento e fiction ormai sono troppo porose perché continuino a funzionare come steccati”. Ecco quindi che spuntano nomi importanti e riconosciuti che arrivano al Maxxi grazie alla contaminazione con le altre arti visive “come Jonathan Demme – ha detto Müller – con il suo ‘Fear of falling’ che spiegherà questo suo percorso con una master class in sala Petrassi il 10 novembre”.

Cliccando qui trovate l’intero programma del Festival.