L’ incontro con la stampa tenutosi a Roma per presentare il programma dei film in concorso al prossimo Festival del Cinema di Torino, giunto alla ventinovesima edizione, ha lasciato intendere che quest’ anno la manifestazione sarà all’ insegna della qualità del cinema, visto da un punto di vista particolarmente sfaccettato grazie alle numerose pellicole estere.

Ma non mancheranno autori di spicco italiani, come il film I più grandi di tutti diretto dall’ ormai celebre Carlo Virzì e interpretato da Claudia Pandolfi e Corrado Fortuna (già protagonisti rispettivamente nei film Ovosodo e My name is Tanino, dello stesso regista), ma anche giovani talenti esordienti come Mateo Zoni, autore di Ulidi piccola mia.

Fuori concorso sarà presentato, in questo festival, che nasce sotto la buona stella del regista calabrese Gianni Amelio, il film diretto da Massimiliano e Gianluca De Serio che, con Sette opere della misericordia si sono già fatti notare ad un altro prestigioso evento dedicato all’arte cinematografica, quale è il Festival del Cinema di Locarno.

Nella sezione riservata al genere del documentario, invece, sarà possibile assistere alla proiezione di Living in the material world: George Harrison, per la regia di Martin Scorsese, ed a un secondo evento “ultraterreno” come il docu film Into the Abyss diretto da Werner Herzog.