Come successo l’anno scorso con i protagonisti di Hunger Games, anche questa edizione del Festival del cinema di Roma ha subito l’invasione di giovanissimi fan in preda agli ormoni e ai palpiti del cuore: l’occasione è quella della presentazione di #ScrivimiAncora con conseguente sfilata sul red carpet degli attori Lily Collins e Sam Claflin.

Elegantissimi entrambi, gli interpreti del dramma sentimentale tratto dal romanzo Love, Rosie di Cecelia Ahern si sono generosamente sottoposti al bagno di folla d’ordinanza, per il piacere di tutti gli appassionati della coppia: la Collins ha avuto modo di incontrare il favore degli adolescenti nel Biancaneve di Tarsem e in Shadowhunters, mentre Claflin ha fatto parte del cast di Biancaneve e il cacciatore, Hunger Games e il recente Posh.

Il film proiettato in anteprima all’Auditorium Parco della Musica, in uscita il 30 ottobre nelle sale italiane, racconta una storia d’amore tra Rosie e Alex, due ragazzi uniti da un’amicizia (e qualcosa di più) che dura sin dall’infanzia. Senza che uno abbia mai confidato i propri sentimenti all’altro, i membri della coppia si separano e per ben 10 anni si tengono in contatto tramite lettere, e-mail, messaggi, mentre scelte sbagliate e tragedie private rischiano di separarli.

In conferenza stampa, oltre ai due interpreti, erano presenti anche il regista Christian Ditter e il produttore Martin Boskovits, ma ovviamente la maggior parte delle domande sono state per Lily e Sam. A quanto pare anche i due attori hanno subito stabilito una forte intesa sul set, anche se non si è trasformata (per ora) in una storia d’amore: il legame venutosi così a creare li ha aiutati molto nel dover ricostruire la chimica dei personaggi del romanzo.

Il volume tra l’altro non è stato da loro letto prima delle riprese per poter rispettare al meglio la visione del regista e non farsi influenzare dalle parole scritte dalla Ahern, la quale era presente sul set e ha dato la sua benedizione al film. Entrambi, infine, si sono detti davvero impressionati dalla follia e dall’affetto dimostrato dai fan italiani, che hanno loro donato un’emozione che non dimenticheranno facilmente.

Foto: Infophoto