Tra i gruppi più iconici degli anni ’80 musicali, gli Spandau Ballet saranno ospiti speciali della nona edizione del Festival del Cinema di Roma.

Grazie al loro mix di melodie pop con tracce rock, soul e funky, il gruppo New Romantic formato da Tony Hadley, Steve Norman, John Keeble, Martin e Gary Kemp si fece conoscere in tutto il mondo, sdognando anche il suono del sax in contesti danzerecci e sentimentali.

Autori di hit internazionali come Gold o True, i membri della band britannica sono diventati parte di quell’enorme fenomeno di costume e culturale rappresentato dalla decade degli Ottanta, che hanno attraversato con orgoglio e a volte anticipata con chiaroveggenza fino al loro ultimo album prima della separazione nel 1989, Heart Like a Sky, cui è seguita una reunion con annesso nuovo lavoro discografico, Once More, del 2009.

Per celebrare il gruppo storico il Festival Internazionale del Film di Roma ospiterà l’anteprima del film documentario Spandau Ballet: Il film – Soul Boys of the Western World, debutto alla regia del produttore George Hencken.

L’opera verrà proiettata il 20 ottobre e sarà poi seguita da una proiezione-evento speciale di due giorni (il 21 e il 22) nelle sale italiane organizzata da Nexo Digital. Il film è composto da interviste, concerti, filmati personali e un gran mole di materiale inedito per raccontare la storia del gruppo, dalla nascita, al successo fino ad arrivare al tramonto e alla successiva resurrezione.

Il 13 ottobre, invece, in tutti i negozi italiani sarà disponibile il disco antologico edito da Warner Music Italia The very best of Spandau Ballet: the story, nel quale sono presenti anche 3 attesi inediti prodotti dal leggendario Trevor Horn: This is The Love, Steal e Soul Boy.

Foto: ufficio stampa