È tutto pronto nella città meneghina per l’avvio del Milano Film Festival, in programma da domani mercoledì 12 settembre 2012 fino a domenica 23 settembre. La rassegna, una delle più importanti in Italia, è giunta alla diciassettesima edizione. I suoi direttori artistici sono Alessandro Beretta e Vincenzo Rossini.

Entrambi sottolineano che, malgrado i tagli al cinema, l’impianto messo in piedi vale il prezzo del biglietto

Undici giorni di kermesse cinematografica, curata da esterni, e dislocata in diverse aree culturali.  Sono in totale dieci le zone interessate al MFF.  La sede principale è il Teatro Strehler, capace di accogliere appassionati e curiosi occasionali nel suo maestoso interno.

Due sono i concorsi che la fanno da padrona: lungometraggi, 12 sono quelli in concorso e tutti in anteprima, e cortometraggi. Per questa sezione ne sono stati selezionati 46. Alcuni di questi provengono da Corea del Sud, Kosovo, Singapore, Canada e Norvegia.

Tra questi ne spicca uno proveniente dall’Italia: si chiam Fireworks e il suo regista Giacomo Abruzzese, immaginando un attentato ecologista all’Ilva di Taranto, lo dedica proprio alla cittadina pugliese che versa da qualche anno in enormi difficoltà dal punto di vista ambientale.

Una delle più ghiotte novità dell’edizione di quest’anno consiste nella messa in piedi della Maxi Retrospettiva Italia ’80. Un vero e proprio revival di un periodo in cui la televisione provò a rendere il cinema un suo mero subordinato.