La nomina è avvenuta in questi ultimi giorni, con quattro voti a favore e uno contrario, l’elezione di Paolo Ferrari a Presidente della Fondazione Cinema per Roma. Ferrari sostituisce il dimissionario Gian Luigi Rondi.

Una carriera internazionale che vede il nuovo presidente del Festival tra i grandi nomi del cinema: dal 1989 Ferrari faceva parte della Warner Bros., di cui è stato prima presidente e poi amministratore delegato.

Quasi un plebiscito quello che ha votato per la nomina di Paolo Ferrari, che era stata proposta dal Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, l’unico voto sfavorevole è stato quello di Nicola Zingaretti, in disaccordo il progetto culturale di Ferrari.

Appena eletto Paolo Ferrari ha manifestato l’esigenza di iniziare subito i lavori per l’organizzazione del Festival, per arrivare alle date previste per l’evento con un programma degno di una grande città come Roma. Il primo passo da fare è sicuramente quello della convocazione di un altro consiglio di amministrazione per la nomina del direttore artistico del Festival. Anche qui si è già espresso Alemanno, proponendo all’appena nominato direttore il nome di Marco Muller.

Anche per questo ruolo si prevede una spaccatura all’interno del cda, che rischia di minare nel profondo il progetto di un Festival che invece ha il compito di portare Roma e la sua cultura cinematografica a livello internazionale.