Il cantante rapper Fedez ancora al centro delle polemiche. Questa volta il dibattito si è acceso tra l’artista e il sindacato di polizia il Coisp, a causa di un tweet polemico dello stesso Fedez. Il rapper ha infatti criticato quello che secondo lui è stato un diverso trattamento inflitto dai poliziotti a Bologna – che sarebbero intervenuti contro le donne precarie che stavano manifestando – e il trattamento inflitto dalla polizia ai manifestanti che il 1 maggio hanno devastato il centro di Milano – e che secondo Fedez sarebbero stati liberi di agire come volevano, senza che nessuno intervenisse.

Questo il tweet polemico postato da Fedez:

https://twitter.com/Fedez/status/594904289132285952

Un tweet che non è sfuggito al sindacato di polizia, che ha prontamente risposto: “Senti da che pulpito! Di “invertito” c’è solo qualcos’altro”. Una frase piuttosto dura, cui Fedez non poteva esimersi dal rispondere. E la replica del rapper è stata anche più polemica, visto che è stato tirato in ballo anche l’episodio della morte di Aldrovandi: “Specifichi, sarei io l’invertito? Siete lo stesso sindacato di polizia che ha difeso gli assassini di Aldrovandi giusto?”.

https://twitter.com/Fedez/status/594931427461963778

Fedez ha poi scritto un altro tweet, invitando il Coisp a dare chiarimenti sul perché sia stato chiamato invertito. Il rapper è stato polemico anche nei confronti del giornalista Porro e di Maurizio Gasparri, accusati di fare silenzio sulla vicenda e di non intervenire, come invece avevano fatto nei giorni precedenti, a proposito di altre questioni.

https://twitter.com/Fedez/status/595569741969956864