La prima puntata di Fear the Walking Dead, la serie spin-off del più famoso The Walking Dead nato dalla penna di Robert Kirkman, è andato in onda ieri sera negli Stati Uniti sul canale via cavo AMC.

Il primo episodio del telefilm, intitolato senza troppa fantasia “Pilot”, era molto atteso dai fan della serie originale, divenuta un fenomeno televisivo di enorme successo, avvicinabile solo a quello riscontrato in questi anni da Game of Thrones.

Come forse i lettori più attenti ricorderanno, Fear the Walking Dead si concentra sui primi giorni dell’apocalisse zombie che rappresenta la realtà in cui vivono i protagonisti del telefilm “padre”: si raccontano dunque le prime fasi del contagio, un momento in cui il mondo viene colto alla sprovvista e la civiltà viene demolita dalle fondamenta dall’arrivo dei morti viventi. Focalizzato sulle vicende di una famiglia che gravita intorno al personaggio di Nick, un giovane tossicodipendente tra i primi testimoni del contagio, il serial replica su scala minore le dinamiche viste e apprezzate nel suo progenitore.

Per ora il primo episodio sembra avere convinto la critica e il pubblico, ma le reazioni sono prevedibilmente più tiepide se confrontate con gli entusiasmi provocati dal pilot di The Walking Dead: su Metacritic la media della critica si attesta su un modesto 65, mentre il voto degli utenti è leggermente più alto (70).

Collider definisce l’episodio come “un melodramma tiepidamente espressivo, che collega a fatica la carica dei non-morti e la dipendenza dalla droga”.

Cauto anche Ign, che dopo il primo screening afferma: “Dopo il primo episodio lo show barcolla. Non è successo nulla di terribile, ma non è impossibile che ci si ritrovi isolati con personaggi che si lamentano di cose futili in mezzo al caos degli zombie”.

Forbes è invece più positivo e loda le interpretazioni degli attori Cliff Curtis, Kim Dickens e Frank Dillane, nonché del cast di supporto. Tuttavia permane una tendenza già notata in The Walking Dead, ovvero il modo in cui “i personaggi agiscono meno come esseri umani che come funzioni narrative”.

Rimane tuttavia ancora un mistero la sorte del serial in Italia, che avrebbe dovuto essere tramesso quasi in contemporanea da Horror Channel, canale di Sky chiuso a giugno. La piattaforma satellitare potrebbe decidere di cambiare canale di destinazione, ma per il momento Fear the Walking Dead resta un miraggio per gli spettatori nostrani.