Fausto Mesolella è morto: addio al chitarrista degli Avion Travel stroncato da un infarto a 64 anni nella sua casa di Macerata Campania. Inutili i soccorsi prestati dai sanitari. Compositore e chitarrista storico della Piccola Orchestra Avion Travel con cui nel 2000 vinse il Festival di Sanremo con la canzone “Sentimento” insieme al compagno e amico Peppe Servillo.

Musicista apprezzato in italia ma anche a livello internazionale, nel 2012 Mesolella intraprese una carriera da solista pubblicando l’album “Suonerò fino a farti fiorire” che ebbe un notevole successo all’estero. Negli ultimi anni vinse, per questo lavoro, il premio Umberto Bindi nel 2014 e la migliore colonna sonora all’Est Film Festival per il film 2 euro l’ora.

Fabio Mesolella aveva collaborato con grandissime partite come Gabriella Ferri, Nada, Fiorella Mannoia, Maria Nazionale, Almamegretta e proprio per valorizzare le cantautrici italiane aveva inventato e diretto il Premio Bancia D’Aponte che si svolge annualmente ad Aversa.

Una vita dedicata alla musica e alla chitarra che raccontava aver iniziato a suonare a 12 anni, poi il primo periodo nella musica pop con la band i Condor e infine la popolarità grazie agli Avion Travel. La sua vita tra Macerata Campania dove viveva con la famiglia e il mondo dove accompagnava gli artisti nei tour suonando, in maniera magistrale ed umile, la sua chitarra. In un’intervista aveva dichiarato: “Vorrei fare una cosa semplice. Dopo 40 anni di onorata carriera, di cui 26 con gli Avion Travel, vorrei farmi un piccolo regalo: vorrei fare un disco di chitarra, però, senza metterlo in vendita. Vorrei regalarlo a tutte quelle persone che mi hanno permesso, con la loro stima e il loro affetto, di fare il mestiere che tutt’ora faccio… il chitarrista”.

Il primo a dare la notizia nei social è stato Red Ronnie che postando una foto con Fausto Mesolella ha twittato:“Sono allucinato. Com’è possibile?!? Ci incontreremo sicuramente nell’altra dimensione” . Nei social tantissimo colleghi ed estimatori stanno lasciando il loro saluto a Fausto Mesolella.