Il primo film di Fantozzi ha compiuto quarant’anni quest’anno e per l’occasione tornerà ad essere proiettato nei cinema. Diretto da Luciano Salce ed uscito per la prima volta nelle sale cinematografiche il 27 marzo del 1975, nel corso degli anni il ragionier Ugo Fantozzi, interpretato anima e corpo da Paolo Villaggio, è riuscito ad entrare non solo nella cultura cinefila del nostro Paese ma nella cultura stessa dell’Italia. Il suo personaggio è diventato un’icona, un simbolo, una serie di battute e di momenti epici che a distanza di decenni fanno ancora ridere e sorridere.

La saga del ragioniere più famoso e amato d’Italia, che dal primo film si estenderà poi ad una serie di altri episodi, ha sfornato scene cult facilmente reperibili sul web e anche tantissimi personaggi rimasti indimenticabili: oltre allo sfortunato e vessato ragioniere, il ragionier Filini interpretato da Gigi Reder, la signorina Silvani (di cui Fantozzi è da sempre invaghito) interpretata da Anna Mazzamauro, la moglie di Pina (interpretata inizialmente da Liù Bosisio e successivamente da Milena Vukotic). Un discorso a parte merita poi il personaggio di Mariangela, la figlia del ragioniere, uno dei più amati in assoluto, interpretati da Plinio Fernando.

Tutta la saga

Da quel “primo tragico” film del 1975 seguirono poi ben nove film dedicati alle peripezie sfortunate del ragioniere. L’anno successivo, nel 1976, Luciano Salce girò Il secondo tragico Fantozzi mentre dal 1980 al 1996 i film di Fantozzi sono stati girati tutti da Neri Parenti. Sono stati questi gli anni di Fantozzi contro tutti, Fantozzi subisce ancora, Superfantozzi, Fantozzi va in pensione, Fantozzi alla riscossa, Fantozzi in paradiso e infine di Fantozzi – Il ritorno. Nel 1999 l’ultimo film della saga vede dietro la macchina da presa Domenico Saverni, che dirige Fantozzi 2000 – La clonazione.