Facciamo che io ero… Virginia Raffaele. È stato presentato questa mattina a Roma lo show di Rai 2 che da giovedì 18 maggio alle 21.20 e per 4 settimane vedrà l’attrice romana protagonista assoluta in ruoli e volti diversi: perfomance, attrice, caratterista, conduttrice, cantante, ballerina. Ornella Vanoni, Sabrina Ferilli, Carla Fracci, Belen Rodriguez solo alcuni dei personaggi che la Raffaele interpreterà ma anche -a sorpresa- alcune maschere inedite.

Tra gli ospiti che la padrona di casa accoglierà nello studio 15 di Cinecittà a Roma tanti compagni di avventura che hanno in qualche modo segnato le tappe più importanti della sua carriera da Lillo e Greg (con cui ha debuttato a Radio 2 Rai) a Gabriel Garko (con il quale ha condiviso il palco dell’Ariston a Sanremo 2016). Alla conferenza stampa presenti anche il direttore generale della Rai Campo Dall’Orto e la direttrice di Rai 2 Ilaria Dalla Tana.

Campo Dall’Orto e Dalla Tana: “Virginia Raffaele talento assoluto, un lusso averla in Rai”

“Per me oggi è un giorno molto lieto, perché questo tipo di varietà è figlio della scrittura. – ha detto il direttore generale della tv di Stato- In Rai riusciamo a far sì che il talento diventi valore. Io da subito ho indicato Virginia come simbolo della Rai; è un talento assoluto”. Alla fine la qualità è figlia di un sacco di lavoro e unita al talento genera un accrescimento del valore di chi ci guarda da casa”.

“Per me, -ha ribattuto la Dallatana-, è un orgoglio personale, se oggi andate al mercato a dire quale talento vorresti in tv per un progetto, tutti risponderebbero Virginia. Averla su Rai 2 è motivo di orgoglio e genera invidia anche da parte di altri”. La direttrice di Rai 2 ha parlato poi dello show: “Un programma molto ambizioso e molto bello. Portarlo su Rai 2 è un lusso per diversi motivi: Virginia si porta dietro la squadra di Ballandi, è una donna e non è facile trovare prime donne con un talento assoluto e così belle. Ma non solo: è anche curiosa e intelligente, fa ridere e fa anche pensare. Quando fai un lavoro di scrittura all’interno di un varietà fai servizio pubblico che va oltre i format che importiamo dall’estero, adattati ma non originali. La scrittura di questo gruppo fa un pezzo di cultura, intrattenimento e varietà che la Rai deve restituire al Paese e che vuole rappresentare la Rai di oggi”.

“Facciamo che io ero” come quando si giocava da bambini

“È un lusso mio essere in Rai con uno show tutto mio, -ha esordito Virginia Raffaele- quando si parte da tanto lontano e si arriva in un posto che fin da piccola vedevi come un sogno è una soddisfazione umana (…) Il titolo è nato dal gioco che si fa sempre da bambini “facciamo che io ero…” ed è quello che io chiedo al pubblico quando lavoro con le maschere, è qualcosa che chiederò agli ospiti che verranno domandando loro chi vorrebbero diventare. Sarà un varietà a 360 gradi, ho cercato di metterci tutto quello che mi ha affascinato fin da piccola. Tra le maschere ci sarò anche io, in qualità di Virginia Raffaele la cosa positiva -scherza- è che non mi arriveranno querele. Ci saranno poi, ingressi a sorpresa di qualche maschera vera, spero di confondervi il più possibile. Parlerò un po’ di me della mia storia e di quella della mia famiglia che arriva dal mondo del circo (dal quale è tratta anche la scenografia ndr). Ci saranno maschere nuove ma non voglio anticiparvi nulla, Marina Abramovich e le sue “Performance” (nome del suo spettacolo teatrale), così come altre maschere che già conoscete ci saranno ma non faranno le stesse cose”.

E la politica? “Io non faccio satira politica faccio quella di costume, però anche la Vanoni o la Ferilli potrebbero fare politica…”.

Tra gli ospiti della prima puntata: Roberto Bolle con il quale la Raffaele si esibirà in un passo a due, e Gabriel Garko che sarà ospite del “Donatella Late Show” una sorta di parodia del David Letterman Show con la parodia di Donatella Versace. Appuntamento quindi a giovedì 18 maggio alle 21.20 su Rai 2 e per i successivi mercoledì 24-31 maggio e 7 giugno.