Dopo un lungo ed intenso periodo dedicato all’attività live e dopo aver scritto per altri interpreti italiani, torna a fine aprile Fabrizio Moro. Il suo nuovo lavoro discografico si intitolerà “L’inizio” esce a tre anni dal precedente “Ancora Barabba” ( del 2010 dopo la partecipazione al Festival di Sanremo di quell’anno) ed è una nuova partenza verso una nuova epoca. Moro in questo tempo ha fatto una lunga ricerca per trovare nuove dimensioni musicali ed una agognata libertà d’espressione. Nel nuovo disco l’artista riversa i frutti di questa ricerca e tutto se stesso con nove brani che compongono un lavoro di rinascita, una catarsi autoreferenziale e impregnata di rock, per mettere in musica il tormento interiore e la ritrovata, seppur precaria, pace.

Il cantautore romano, molto amato dal grande pubblico da quel Festival di Sanremo 2007 quando con la straordinaria “Pensa” vinse la sezione Giovani e il Premio della Critica, in questo nuovo  disco parla in musica con rinnovata franchezza per dire tutto ciò che ha da dire: sulla società, sul proprio ego, sulle delusioni avute, le cadute e l’amore; e regala angoli di dolcezza con delicate poesie in cui si sente tutta la profondità, la tenerezza e la consapevolezza del suo essere padre.Un album che racconta uno stato d’animo senza schemi e senza condizioni, questo è L’inizio.