Ancora nessuna traccia del re dei fotografi Fabrizio Corona che, dopo aver ricevuto una condanna a cinque anni di reclusione, non si fa trovare e risulta irreperibile.

L’ultima volta che è stato visto si stava allenando, come d’abitudine, alla palestra di corso Como a Milano, vicina alla sua abitazione. Il suo avvocato aveva tentato di presentare un ricorso contro la condanna in primo grado emessa lo scorso 16 gennaio dalla Corte d’Appello di Torino, ma senza successo. Per questo motivo Fabrizio si è dato alla fuga e risulta ora ufficialmente latitante.

Intanto sul suo profilo Facebook ufficiale compare una frase che potrebbe delineare il suo stato d’animo: “Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c’è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato”.

Si tratta di una citazione di un autore contemporaneo giapponese, Haruki Murakami. In un’ora ha ricevuto circa 2 mila apprezzamenti di altri utenti della pagina, molti dei quali inneggiano a lui, alla sua fuga e alla sua “liberazione”. Sul suo sito ufficiale aveva anche pubblicato un ironico “coming soon”.

Peccato che il messaggio non sia stato postato da lui. Lo ha accertato la polizia milanese, che indaga sulla sua fuga, scoprendo che a pubblicare la citazione letteraria è stato il suo autista e collaboratore, nei pressi di Quarto Oggiaro, a Milano, utilizzando la sua password per l’accesso.

L’ex agente dei vip Lele Mora ha deciso di fare un appello in merito, nella Domenica Live di Barbara D’Urso, invitando Fabrizio Corona a costituirsi, a consegnarsi alla giustizia. Negli ultimi anni tra Mora e Corona non c’erano più stati contatti, in seguito agli scandali scoppiati che avevano coinvolto entrambi.

“Consegnati alla polizia e paga il tuo debito perchè è la cosa più giusta per te e per la tua famiglia.” Queste le parole di Mora durante la trasmissione di canale 5.

Stando a quanto è stato detto a Domenica Live, non dovrebbe essersi allontanato troppo, c’è chi dice che potrebbe trovarsi addirittura a Milano, che non sia capace di organizzare una latitanza, che presto cederà.

Lele Mora ha scontato la sua pena e non si è mai sottratto alle sue responsabilità, e ci tiene a ribadirlo davanti alle telecamere:

“Io non scappo”.