Fabio Volo ritorna sul grande schermo dal prossimo 7 febbraio nel ruolo di protagonista della commedia Studio Illegale, basata sull’omonimo romanzo di Federico Baccomo ed ispirato ad un blog sugli avvocati rampanti.

Diretto da Umberto Carteni, Volo interpreta il ruolo di un giovane avvocato pronto a sacrificare la sua esistenza per il lavoro, almeno fino a quando non incontra una collega ancora più sfrontata di lui. E anche l’attore racconta di aver avuto in passato lo stesso “vizietto” del suo personaggio:  ”Prima avevo la priorità del lavoro adesso do la possibilità anche ad altre cose, sto più con la mia famiglia d’origine, con la la mia compagna, c’è più spazio anche per altre cose, più tempo anche per la qualità della vita, inteso anche come farmi una passeggiata“.

Ennio Fantastichini che invece interpreta il suo capo cinico e che ha confessato di aver pensato a Ghedini per fare il ruolo, ha aggiunto: “Io vengo dalla generazione che professava il “risus abundat in ore stultorum” e allora cerchiamo di essere meno stolti, tentando di fare una commedia non “scoreggiona” come sono di solito certe commedie italiane ma che abbia un tono anche più concreto e più vero, uno squarcio su un mondo terribile“.