La Rai ha rinnovato il contratto di Fabio Fazio spostando il conduttore di Che Tempo Che Fa su Rai Uno e proponendo un compenso di 12,4 milioni di euro in quattro anni. Il conduttore che fino a qualche settimana fa sembrava pronto a partire verso altri gruppi televisivi ora è saldamente legato alla Rai per altri 4 anni.  L’approvazione dei palinsesti autunnali 2017 de consiglio di amministrazione della televisione di stato, secondo quanto riportano le agenzie di stampa Ansa e Adnkronos, porta al rinnovo di contratto per Fazio che passerebbe su Rai 1 per condurre 32 puntate di prima serata e 32 seconde serate con un leggero aumento di stipendio per il carico di lavoro maggiore e la performance sulla rete ammiraglia. Facendo un conto spannometrico ogni puntata condotta da Fazio varrà circa 50mila euro del suo compenso.

Per Fabio Fazio sarebbe confermato Che tempo che fa ma su Rai 1 in prima serata la domenica con Luciana Littizzetto e Nino Frassica e una nuova seconda serata il lunedì. Il direttore generale della Rai Mario Orfeo è contento del rinnovo e dice: “Ringrazio il cda perché la presenza e la valorizzazione di Fabio Fazio nel palinsesto della Rai è un passaggio importante per il consolidamento della leadership della tv pubblica e per il rilancio dell’attrattività innovativa dell’azienda.”

La notizia ha già sollevato un polverone di polemiche e Anzaldi dei DEM ha annunciato un’interrogazione parlamentare: “Il rinnovo del contratto a Fazio per ben 4 anni, più della durata di questo e del prossimo Cda Rai, con un aumento di ben il 50% sul compenso, fino ad arrivare a quasi 12 milioni di euro totali, è un vero schiaffo agli italiani che fanno sacrifici e alla povertà, uno schiaffo che arriva da una piccolissima casta di intoccabili. È uno schiaffo al Parlamento che ha approvato una legge ora disattesa con il tetto a 240mila euro e alla commissione di Vigilanza, che ha approvato all’unanimità un parere con il quale permetteva alla Rai di emettere bond solo con l’impegno di applicare il tetto agli stipendi.”