La famiglia di Robin Williams sembra aver trovato un accordo sulla spartizione dei beni provenienti dall’eredità del compianto attore, morto suicida nell’agosto del 2014. La battaglia legale si era accesa tra Susan Schneider (terza moglie di Robin Williams) e i figli dell’attore: Zachary nato dal matrimonio con Valerie Velardi, Zelda e Cody nati dal matrimonio con Marsha Garces.

Al momento i dettagli dell’accordo sulla spartizione dell’eredità lasciata da Robin Williams non sono stati ancora resi noti ma l’avvocato di Suns Schneider (sua ultima moglie) avrebbe rivelato che alla sua cliente dovrebbe rimanere la villa nella baia di San Francisco che la donna divideva con il marito. La Schneider dovrebbe inoltre ricevere gli alimenti che possano consentirle di restare nella casa per il resto della sua vita. La donna dovrebbe inoltre ricevere l’orologio indossato spesso da Robin Williams, una bici e i regali ricevuti in occasione delle loro nozze.

A provocare la battaglia legale era stato soprattutto il fatto che i figli dell’attore avessero accusato la donna di voler trattenere beni che secondo loro il padre aveva sempre sostenuto che fossero dei figli stessi e che dopo la sua morte Zachary Zelda e Cody avrebbero dovuto ricevere. Si trattava soprattutto di oggetti piuttosto personali di Robin Williams, come i premi ricevuti nel corso della sua carriera e collezioni che l’attore aveva sempre custodito nelle sue due dimore.

Per rendere esecutivo l’accordo adesso bisognerà attendere l’approvazione del giudice.