Uno dei rapper di successo planetario degli ultimi decenni compie oggi 42 anni: Eminem.

Marshall Bruce Mathers III, questo il suo vero nome, si è fatto strada nel mondo della musica rap collezionando svariati riconoscimenti che hanno fatto sì che diventasse, dopo i Beastie Boys, uno dei rapper bianchi più di successo del ventesimo secolo.

Il grande successo arriva prima con The Marshall Mathers LP, il primo disco prodotto da Dr Dre,  uscito nel 2000 e con singoli come “The Real Slim Shady” (l’alter ego cattivo di Eminem), “The Way I Am”, “My Name Is” e “Stan”. Il boom arriva nel 2002 con The Eminem Show: disco di diamante e vincitore di due Grammy Awards, il primo come miglior album ed il secondo per il video di “Without Me”. Gli altri singoli di successo sono “Sing For The Moment”, “Lose Yourself”(contenuti in 8 Mile, il film interpretato dal rapper e che parla della sua vita e carriera) e anche “Cleanin’ Out My Closet”.

Nel 2004 viene pubblicato Encore con singoli tra cui “Just Lose It” (in cui prende in giro svariati artisti tra cui Michael Jackson) e “Like Toy Soldiers”, il cui video è stato girato con l’amico Proof, morto nel 2006 a seguito di una sparatoria proprio nella 8 mile road e nello stesso modo in cui perde la vita nel video.

In molti dei suoi testi Eminem è stato contestato per misoginia, razzismo ed omofobia facendo anche allusioni e parodie su personaggi noti, tra cui appunto Michael Jackson (parlando delle sue accuse di pedofilia nonché dei suoi interventi chirurgici), ma anche Madonna, Christina  Aguilera, Vanilla Ice, Britney Spears e Mariah Carey, con la quale il rapper ha dichiarato di aver avuto una relazione, che la stessa ha sempre smentito.

Dopo una breve pausa e una fase di disintossicamento il rapper torna nella scena musicale nel 2009 con l’album Relapse, vincitore di un Grammy Award come Miglior Album Rap e dal quale vennero estratti singoli come “We Made You”, “Beautiful” e “3 a.m.”, seguito poi nel 2010 da Recovery che ricevette vari riconoscimenti dalla Billboard e un Grammy Award.

Nel 2000 Eminem ha fondato la propria casa discografica con il suo manager Paul Rosenberg, la Shady Records e ha prodotto canzoni per moltissimi rapper tra cui Obie Trice, i D12  e 50 Cent.

Il ritorno alle origini Eminem lo dimostra con l’ultimo lavoro, The Marshall Mathers LP 2, in chiaro riferimento all’album del 2000. Il rapper riassapora i vecchi tempi e per cui torna anche il famigerato alter ago cattivo Slim Shady. Il primo singolo estratto fu “Berzek”, seguito poi dal “The Monster” (con Rihanna), “Rap God”, “Survival” e “Headlights”. Un ritorno alle origini, per un certo senso, è significato “mettere a posto”  alcune relazioni del passato.

È sempre stato noto come il rapper non abbia mai avuto un buon rapporto con la madre Debbie, accusandola soprattutto per le sue dipendenze da farmaci, parlandone anche nelle sue canzoni come “Cleanin’Out My Closet”, che in tutto gli costarono un’accusa di diffamazione da migliaia di dollari. Ma come lei anche Marshall ha avuto i suoi problemi di dipendenza da droghe, tentando un suicidio verso la fine degli anni novanta con un’overdose di Tylenol, ma dal quale ne è uscito pulito nel 2008. Anche il rapporto con la storica fidanzata, Kim, è sempre stato un tira e molla. Nel 1995 nacque la figlia Hailie, mentre i due si sposano nel 1999 per divorziare un anno dopo. Dopo una serie di altri tira e molla e battaglie per l’affidamento affidamento i due si risposano nel 2006 ma divorziano nuovamente pochi mesi dopo.

Ma con il passare del tempo i fatti si sono aggiustati: il rapporto deteriorato con la madre a quanto pare si sarebbe “ristabilito” solamente negli ultimi anni, tanto che nell’ultimo video Highlights con il frontman dei Fun il rapper – in uscita da casa sua – si ferma e, a bordo di un’auto bianca che cercava di entrare nota una donna, la madre. Entrambi scendono dall’auto e si abbracciano. Oltre a Hailie Eminem avrebbe adottato altre due ragazze: la sorellastra di Hailie, nata da un secondo matrimonio della madre Kim, e la figlia della sorella di Kim, Alaine.

Questi alcuni dei suoi successi:

Without Me, 2002

When I’m Gone, 2005

We Made You, 2009

Not Afraid, 2010

Headlight (Explicit) feat. Nate Ruesss (Fun), 2014

(photocredit: video Eminem “Not Afraid”)