Homo faber fortunae suae dicevano i latini ed Emanuele Corvaglia sembra essere assolutamente d’accordo con l’antica locuzione: “Nessuno ci protegge, – afferma l’ex concorrente dell’edizione di Amici 2013 nel suo nuovo singolo – allora trova la tua strada puntando solo sulle tue sole forze”.

Ed è così che quando un po’ ti cambia la vita come lo stesso Emanuele racconta nell’intervista qui sotto, ti rendi conto che puoi e devi fare affidamento solo su te stesso, sulle tue passioni, sul tuo lavoro. Lui si è affidato alla musica, alla sua chitarra, al pianoforte, ma anche ad un nuovo percorso sperimentando i tipici strumenti da musicista on the road: armonica a bocca e ukulele.

Il primo singolo di Emanuele Corvaglia è un avviso, una denuncia, una raccomandazione: non si possono aspettare angeli custodi o maestri della vita, perché la vita è ciò che accade giorno per giorno, basta essere pronti e saldi per resistere agli scossoni e alla burrasca: ”In un mondo che non ci sorregge, nessuno ci protegge”.

Il primo album di Emanuele Corvaglia sarà disponibile il prossimo autunno, e vede Emanuele affiancato dal coautore Massimiliano Titi e dagli inseparabili compagni di viaggio Davide Zerlotti (batteria) e Leonardo Abrignani (basso). La voce soffusa, gli arrangiamenti synth pop saranno il tratto distintivo di un disco romantico, ironico e allo stesso tempo allegro.

Nell’attesa di poterlo ascoltare, però, vi proponiamo il video di “Nessuno ci protegge”, un’intervista ad Emanuele ed un suo saluto ai lettori di Leonardo.it.

“Nessuno ci protegge”, da cosa non si sente protetto Emanuele?

Credo che nessuno si senta realmente “protetto”, dobbiamo contare sulle nostre forze se vogliamo fare qualcosa o raggiungere un obiettivo;

Come nasce e a chi è dedicato questo singolo? 

Il singolo NESSUNO CI PROTEGGE, è dedicato a tutti perché parlo in generale di quello che ci sta accadendo. E’ nato da vari episodi che alla fine si sentono e si vedono quotidianamente.

Questo singolo è un assaggio di un album che uscirà IN AUTUNNO, ci anticipi quali saranno le caratteristiche di questo disco?

Sarà un album diverso dal solito, ci stiamo lavorando da molto tempo, d’altronde un album non si fa da un giorno all’altro! I miei produttori Alberto Salerno e Mara Maionchi esigono molto da me come è giusto che sia e mi stanno insegnando tantissimo.

Come è stato uscire dalla scuola di Amici? Come è cambiata la tua vita?

Uscire dalla scuola di Amici è stata una sensazione stranissima, tutto cambia, vieni visto con occhi diversi dal momento in cui partecipi ad una trasmissione televisiva di successo ma nonostante questo io non sono cambiato. La mia vita invece è cambiata tantissimo, ma io non sono e non mi sento nessuno.