Il Wonderful Crazy Night Tour di Elton John farà tappa in Italia a luglio 2017. Location prescelta per l’esclusivo concerto-evento è la città di Mantova, che nella prima metà di luglio ospiterà la seconda edizione della rassegna di Mantova Arte & Musica, portando concerti e spettacoli nelle due più belle piazze del centro storico: piazza Castello e piazza Sordello. Sarà proprio quest’ultima a fare da cornice all’esibizione di uno degli artisti più famosi e amati di tutti i tempi, che a partire dalle ore 21 di venerdì 14 luglio 2017 si esibirà reinterpretando alcuni dei suoi brani più famosi, intervallati da quelli estratti dal suo 33° album, Wonderful Crazy Night. Sul palco Elton John sarà accompagnato dalla sua band, composta da Nigel Olsson alla batteria, Davey Johnstone alla chitarra e alla direzione musicale, Matt Bissonette al basso, John Mahon alle percussioni e Kim Bullard alle tastiere. Di fronte al palco sarà allestita una tribuna numerata con 2mila poltrone; dietro di essa, la rinascimentale di piazza Sordello ospiterà un parterre con 7mila posti in piedi e un’ulteriore fascia da mille posti circa.

Quella del 14 luglio a Mantova è ad ora l’unica tappa italiana certa per Elton John. Ancora in attesa di conferma è poi una seconda data del Wonderful Crazy Night Tour, che potrebbe approdare anche in Sardegna. Per gli iscritti al fan club sono intanto già aperte le prevendite per aggiudicarsi i biglietti relativi al concerto mantovano di  Elton John. Da giovedì 10 novembre si potranno quindi acquistare online sul sito www.ticketone.it, mentre da venerdì 11 novembre saranno disponibili su tutti i circuiti Ticketone, Unicredit e presso gli sportelli Unicredit e nelle prevendite autorizzate.

Con oltre 250 milioni di dischi venduti nel mondo, Elton John vanta una carriera che dura ormai da cinquant’anni. Suo è il record del singolo più venduto di sempre, Candle in the Wind, del 1997 (con 33 milioni di copie vendute); si è inoltre aggiudicato 38 dischi d’oro e 31 di platino o multi-platino; si è esibito in 80 Paesi, con oltre 4mila performance, ma per Mantova, “perla indiscussa del patrimonio culturale lombardo”, come l’ha definita il presidente della Regione Roberto Maroni, si tratta di una prima assoluta.