Elio e le Storie Tese hanno raccolto l’invito del Ministero della Salute e della Ministra Beatrice Lorenzin e hanno aderito ad una campagna di informazione e sensibilizzazione contro l’abuso di alcol da parte dei ragazzi sotto i trent’anni. Per questi ultimi, infatti, l’abuso di alcol rappresenta la prima causa di mortalità e di disabilità evitabile. Dati allarmanti, supportati da altrettante rilevazioni che non hanno nulla di positivo: nel 2014 ottocentomila ragazzi tra gli undici e i diciassette anni hanno consumato alcol e nello stesso anno i ricoveri nei Pronto Soccorso, per il 17 per cento, hanno riguardato proprio minori di 14 anni che hanno bevuto alcol.

La campagna del Ministero della Salute, cui ha aderito il gruppo Elio e le Storie Tese è partita oggi, dal Liceo Scientifico Kennedy di Roma. Per l’occasione, la band ha presentato una canzone scritta apposta per l’iniziativa, Alcol snaturato, cui seguirà una serata speciale e anche un video dedicato all’evento.

Visto che la campagna è stata pensata per giovani al di sotto dei trent’anni, questa si servirà di mezzi e codici di comunicazione molto familiari ai ragazzi e primo veicolo di trasmissione dei messaggi sarà il web, amatissimo dai giovani.

Elio e le Storie Tese hanno voluto portare il proprio messaggio cercando di illustrare esempi positivi del mondo della musica. Lo stesso Elio ha raccontato: “Frank Zappa, uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi che tutti considerano un’icona della trasgressione in realtà non consumava né alcol e droghe. Il nostro obiettivo è far capire i danni che può provocare l’alcol ai giovani“.

La Ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, collegata in videoconferenza, ha invece spiegato da cosa nasce questa iniziativa: “Stavo visitando un pronto soccorso, e mi hanno mostrato una ragazza di 16 anni bellissima, ricoverata per essere caduta da un cubo in discoteca. Era in fin di vita ma non per la caduta, perché aveva il fegato spappolato dall’alcol“.

https://twitter.com/bealorenzin/status/598164011327352832