Da giudice di X Factor ad attore di teatro. Sto parlando di  Stefano Belisari, in arte Elio (e le storie tese), che interpreta, in veste di one man-show, un insolito “barbiere di Siviglia”.

Al Teatro Nazionale di Milano va in scena la rivisitazione dell’opera di Gioacchino Rossini, rinominata per l’occasione “Figaro il Barbiere”, ideata da un libero racconto di Roberto Fabbriciani.

Elio, che proviene da una formazione musicale classica, ricevuta al conservatorio, aveva già espresso in passato uno spiccato interesse per la musica lirica.

Con un paio di baffi all’insù, parrucchino e occhiali si è divertito a reinterpretare l’opera rossiniana con un riadattamento in chiave moderna, in una versione un pò rock se vogliamo.

Il cantante è assolutamente a suo agio sul palco, sia quando intona le arie dell’opera, sia quando racconta meticolosamente la trama, personalizzando il racconto con gag e battute comiche che contraddistinguono la sua ironia da sempre e che lo rendono un artista completo.

Oltre al cantante, salgono sul palco anche Fabio Battistelli al clarinetto, Massimiliano Damerini al pianoforte e Roberto Fabbriciani al flauto.

In poco più di un’ora la bravura di Elio rende fruibile un capolavoro della lirica noto in tutto il mondo. Il risultato è il racconto di un’opera teatrale divertente e apprezzabile da un pubblico più giovane, meno esperto  e forse  anche meno appassionato del genere.

Clicca qui e guarda le foto dello spettacolo