Eleonora Daniele, oltre ad essere sempre impegnata in tv adesso con la trasmissione “Estate in diretta” e da settembre come presentatrice di “Storie vere”, è anche molto attiva nel sociale, essendo probabilmente molto influenzata dalle sue esperienze personali.

Attualmente è la testimonial della “Fondazione italiana autismo” e, in un’intervista rilasciata a Lorenza Sebastiani per “Il Giornale”, ha voluto parlare di come è stata toccata direttamente dall’argomento avendo avuto un fratello affetto proprio da questa specifica disabilità:

Ho vissuto certe dinamiche da vicino. Ho fatto anch’io mille giri nelle istituzioni, per avere un sostegno per mio fratello. Ho provato sulla mia pelle la difficoltà che provano tutti, quando chiedono aiuto a questa società, spesso sorda e troppo burocratica. Sono drammi che rimangono sulle nostre tasche. Le istituzioni amministrative, i Comuni, dovrebbero essere più accorti“.

La presentatrice, ancora addolorata per la morte del fratello Luigi, ha così raccontato la sofferenza legata a quel lutto che continua a non elaborare definitivamente:

Non ho ancora del tutto accettato la sua scomparsa, non l’ho ancora elaborata, forse lo farò piano piano. O forse mai. Ho reagito con grande rabbia. Mi sono chiesta mille volte ‘perché è successo a lui e non a me?’. Inutile nascondere che mi abbia segnata profondamente. Vorrei fosse ancora qui con me, avremmo potuto vivere tante altre esperienze insieme. Ancora mi trovo in un limbo di sofferenza e, come accade a molti, lavoro tanto per pensare poco”.

Per questo motivo la Daniele ad oggi si dedica anima e corpo a chi, come suo fratello, soffre di autismo sperando di migliore le condizioni di tutte le persone disabili:

“Cerco di aiutare gli altri, per reagire. E per evitare ingiustizie come quella che ha subito mio fratello. Oggi i bambini autistici hanno molte più possibilità di un tempo di essere aiutati e compresi. Non perdo occasione di parlarne in tv, perché tutto questo migliori sempre più“.