Era la sera del 13 novembre quando il concerto degli Eagles of Death Metal al teatro Bataclan venne improvvisamente e tragicamente interrotto da un gruppo di attentatori, che cominciò a far fuoco sui presenti, provocando la morte di quasi un centinaio di persone, oltre a numerosi feriti. Un inferno nel quale perse la vita anche una spettatrice italiana, Valeria Solesin.

Ieri sera, a quasi un mese di distanza da quel massacro, gli Eagles of Death Metal sono tornati a suonare a Parigi. L’occasione gli è stata offerta dagli U2, che li hanno invitati a esibirsi in chiusura della loro seconda data nella capitale francese. Un evento annunciato, ma su cui era sorto un piccolo “giallo”.

Negli scorsi giorni erano circolate voci su diversi media che volevano gli Eagles of Death Metal sul palco insieme al gruppo irlandese domenica sera. Un’ipotesi smentita dagli stessi U2 attraverso un comunicato sul loro sito ufficiale. Nel primo concerto parigino il gruppo di Bono Vox si è esibito con un’altra ospite d’eccezione, Patti Smith, con cui hanno interpretato “People Have the Power”.

L’appuntamento con gli Eagles of Death Metal non è però saltato. È stato invece fissato per il secondo concerto degli U2 a Parigi, che si è tenuto ieri sera sempre alla AccorHotels Arena. Quando è arrivato il momento dei bis, Bono ha chiamato sul palco il gruppo rock statunitense, chiamandoli “fratelli” e affidando loro la chiusura del concerto.

Bono li ha presentati dicendo: “Gli è stato tolto il palco tre settimane fa, vorremmo offrire loro il nostro stasera”. Salito sul palco accolto da un’ovazione, il cantante degli Eagles of Death Metal, Jesse Hughes, ha aperto la performance dichiarando: “Parigi ti amiamo e non rinunceremo mai al rock and roll” e ha inoltre aggiunto: “Grazie Parigi, ti vogliamo bene. E grazie agli U2 per averci dato questa opportunità”. I due gruppi hanno suonato insieme “People Have the Power” di Patti Smith.