Nato come attore a autore teatrale, Vincenzo Salemme, per forza di cose, è divenuto celebre grazie alla sua comicità partenopea sopratutto nella veste di interprete e regista cinematografico e personaggio televisivo.

…e fuori nevica è uno dei testi per il palcoscenico che più hanno avuto fortuna nella carriera dell’artista: nata nel 1995, la commedia è arrivata a collezionare ben tre differenti edizioni, segno dell’affetto con cui il pubblico l’ha accolta ogni volta.

Ora Salemme ha deciso di portarla su grande schermo (uscita prevista per il 16 ottobre) per quello che sarà il suo nono film da regista. Insieme a lui il cast originario composto da Carlo Buccirosso (ormai divenuto celebre per il suo “te chiavasse” da La grande bellezza di Paolo Sorrentino), Nando Paone e Maurizio Casagrande, cui si aggiungono l’amico Giorgio Panariello, Paola Quattrini e Margareth Madè.

La trama si concentra inizialmente su Enzo Righi, un cantante da crociera ormai cinquantenne non proprio eccezionale, eterno immaturo che alla morte della madre tornerà a Napoli per la lettura del testamento. Qui incontrerà dopo molti anni i fratelli Stefano e Cico, quest’ultimo affetto da schizofrenia, e scoprirà che da disposizioni della madre saranno costretti a convivere insieme.

La coabitazione non sarà semplice, anzi, ma una trovata di Cico riuscirà a dirimere la questione.