L’11 settembre nei negozi musicali di tutto il mondo sarà disponibile il nuovo album dei Duran Duran, Paper Gods, il quattordicesimo che segue All You Need is Now della band formata da Simon LeBon, Nick Rhodes, John Taylor e Roger Taylor.

Un disco che riporta al gruppo alle sue radici dance, anche sulla scorta del revival che il genere sta attraversando in questo momento. Ad aiutare i quattro musicisti alcuni tra i produttori più in voga in questo momento come Nile Rodgers, Mark Ronson e Ben Hudson. Il disco rappresenta anche il ritorno in studio dopo i problemi alle corde vocali che circa quattro anni fa ammutolirono per qualche mese Simon LeBon.

La gestazione di Paper Gods (il titolo allude agli idoli di carta dalla fama temporanea e precaria) è durata ben due anni, come spiega Nick Rhodes, dato che la band ha voluto assicurarsi di realizzare un prodotto inattaccabile: “Dopo tre anni insieme se stai per fare un nuovo album è necessario che sia qualcosa di speciale, altrimenti non ne vale la pena. Reinventare il suono dei Duran Duran è più facile a darsi che farsi e questa volta c’è voluto più del solito. Probabilmente il primo anno è stato speso ‘a lavorare in miniera’, cercando di trovare dell’oro.”

Tra i vari ospiti presenti nell’album dei Duran Duran vale la pena segnalare nomi importanti come John Frusciante, Janelle Monae, Kiesza, Davide Rossi e Lindsay Lohan.

Questa la tracklist di Paper Gods, inclusiva dei brani – gli ultimi tre – presenti solo nella deluxe edition.

1. “Paper Gods” (feat. Mr Hudson)
2. “Last Night in the City” (feat. Kiesza)
3. “You Kill Me With Silence”
4. “Pressure Off” (feat. Janelle Monáe and Nile Rodgers)
5. “Face for Today”
6. “Danceophobia”
7. “What Are the Chances?”
8. “Sunset Garage”
9. “Change the Skyline” (feat. Jonas Bjerre)
10. “Butterfly Girl”
11. “Only in Dreams”
12. “The Universe Alone”
13. “Planet Roaring”
14. “Valentine Stones”
15. “Northern Lights”