Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla serie fenomeno in tutto il mondo aspettando la terza edizione “Downton Abbey” in onda in chiaro su Retequattro dal 12 dicembre in prima serata.

1. La prima stagione ha vinto 6 Emmy Awards e 1 Golden Globe come miglior miniserie.

2. La seconda stagione ha vinto 3 Emmy Awards, tra cui uno per la Miglior attrice non protagonista a Maggie Smith. Ad oggi “Downton” è la serie che ha vinto più premi nella storia della tv.

3. La prima stagione è entrata nei Guinness World Records come serie maggiormente acclamata dai critici nel 2011

4. I costumi di Downton hanno ispirato i maggiori stilisti mondiali, tanto che lo stile post-vittoriano ha dominato le collezioni e le passerelle per tutto il 2011.

5. Il castello di Highclere, setting della serie situato a Newbury, dal 1° luglio 2012 è aperto al pubblico; per una visita guidata il costo è di 16 sterline a persona; antiche leggende vogliono il castello al centro di una maledizione che i protagonisti avrebbero “confermato” in seguito a diversi infortuni accaduti nel corso delle riprese.

6. Downton ha scatenato fenomeni di collezionismo: sul web sono disponibili biglietti d’auguri, bamboline di carta e trading card stampabili ispirate ai protagonisti.

7. Negli Stati Uniti la serie è stata al centro di un tormentone su Twitter grazie all’hashtag #DowntonAbbeyProblems: gli utenti si sbizzarrivano condensando in 140 caratteri ridicole problematiche da aristocratici.

8. Hugh Bonneville ed Elizabeth McGovern, interpreti della serie, sono stati invitati ad una cena alla Casa Bianca assieme al primo ministro inglese David Cameron; Michelle Obama è una grande appassionata di Downton, tanto da richiedere ai produttori di inviarle la terza stagione in anteprima.

9. La BBC, diretta concorrente di ITV che ha realizzato Downton, ne ha ideato una parodia cliccatissima sul web; tra le protagoniste della parodia, l’attrice Kim Kattrall che tutti ricordano come la Samantha di Sex and the City.

10. Einaudi ha pubblicato “Ai piani bassi. Memorie di una cuoca” di Margaret Powell, tra le fonti di ispirazione della serie; il mémoir, scritto da una cuoca a servizio di una famiglia aristocratica inglese negli anni Trenta, fu pubblicato per la prima volta nel Regno Unito nel 1968, diventando un caso letterario.

11. Il creatore Julian Fellowes, premio Oscar per la sceneggiatura di “Gosford Park”, è al lavoro su una nuova serie ambientata nella New York dorata di fine Ottocento; nella seconda stagione di “Downton Abbey”, d’altronde, fa la sua comparsa il personaggio della milionaria americana Martha Levinson (Shirley MacLaine), il cui marito ha costruito una fortuna come commerciante nel Midwest. Con la nuova serie, la NBC intende replicare in America il succcesso di “Downton”.

12. Numerosissimi gli omaggi a “Downton” da parte di altre serie. Tra i più curiosi la puntata speciale de “I Simpson”, prossimamente in onda su Italia 1, e quella di “Pretty Little Liars”, in cui le protagoniste vestono costumi à la Downton (la terza stagione inedita di Pretty Little Liars va in onda su Mya, su Mediaset Premium, ogni giovedì).

Guarda qui l’intervista ai doppiatori italiani.