Sono passati due anni dal naufragio della Costa Concordia ma il ricordo, la commozione e l’arrabbiatura dei sopravvissuti e dei parenti delle vittime è ancora forte. In tutto questo quadro s’inseriscono due figure importanti quanto discutibili: il comandante Francesco Schettino e Domnica Cemortan, la bella ballerina già fidanzata dello stesso. Con il primo sotto processo è la moldava a cercare di difenderlo.

Per farlo ha scelto le telecamere di ‘Domenica Live’ (QUI IL VIDEO DELL’INTERVISTA). Una lunga intervista dove l’amante del comandante Schettino ha raccontato di come la sua vita sia cambiata da quella fatidica notte del 13 gennaio: “Io e Francesco fidanzati? Non avevo detto prima della relazione perché volevo tutelare la mia vita personale - le prime parole di Domnica – ero molto giovane. Mi sono nascosta perché mi sembrava necessario, e ritengo che il nostro rapporto non abbia alcuna pertinenza con l’incidente. Per sei mesi sono rimasta in silenzio e siccome non parlavo, tutti hanno cominciato a cercare di scavare più in fondo. Adesso cosa vogliono da me gli italiani? Cosa c’entra la mia storia con la morte di quelle persone? Quando sono venuta in Italia per il processo, l’ho fatto per aiutare a capire la verità sull’incidente”.

La Cemortan, in una deposizione ai giudici del 29 ottobre, aveva dichiarato di essersi imbarcata sulla Concordia senza biglietto in quanto amante del comandante: “Mi hanno fatta salire senza biglietto, ma avrei dovuto comprarlo più tardi – le sue parole – ero confusa. Non ero l’amante di Schettino, amante è una storia di sei mesi, io ho avuto una relazione di due settimane, iniziata una settimana dopo il mio arrivo in nave, flirtando. Comunque dobbiamo capire che non è possibile che sia una sola persona ad essere colpevole di questo tipo di incidente. Sul banco degli imputati c’è solo Schettino, ma gli altri otto ufficiali dove sono? E la Costa, dov’è? La relazione con Schettino non è rilevante ai fini dell’incidente, quando c’è stato lui stava lavorando, io ero lontanissima. E’ troppo facile per tutti pensare che la bionda, moldava, ballerina ha distratto il comandante, ma io non l’ho fatto”.