Si piazza tra i primi dieci classificati al box office del week-end statunitense il documentario in cui viene pesantemente preso di mira il Presidente Usa Barack Obama.

Nel movie, intitolato 2016: Obama’s America, la sua rielezione è considerata come il primo passo verso la morte e la disgregazione del Paese.

Per il momento il documentario ha incassato ben 6,5 milioni di dollari, piazzandosi al settimo posto nella classifica dei film più visti durante lo scorso fine settimana.

2016: Obama’s America è uscito da sette settimane e ha guadagnato un appeal che lo rende il documentario conservatore di maggior successo nella storia. È il sesto documentario politico che ha incassato di più. Va detto che i primi quattro posti di questa speciale classifica sono occupati da altrettante opere di Michael Moore, uno che con queste “cose” ci lavora.

Ad Obama è imputato di abbracciare una visione del mondo anticolonialista che mette a repentaglio l’America. Per il momento 2016: Obama’s America è stato trasmesso in ben 61 cinema. È però palese che il film, visto il successo ottenuto, verrà proiettato a mano a mano in tutti i cinema Usa. La domanda è: quanto peserà questo materiale sulle prossime elezioni? Costituirà uno svantaggio per il candidato che vorrebbe riconfermarsi? Quale sarà – ci si chiede inoltre- la risposta di Obama?