Cosa succede quando due coppie decidono finalmente di dirsi tutto quello che per una serie di motivi è rimasto nascosto nel loro rapporto? Se lo chiede Sergio Rubini nel suo nuovo film Dobbiamo parlare, in uscita nelle sale italiane il 19 novembre grazie alla distribuzione di Cinema di Giovanni De Paolis.

Il film è stato paragonato con un po’ di leggerezza a Carnage, forse perché anch’esso è tratto da uno spettacolo teatrale (scritto dallo stesso Rubini) e per la stessa dinamica di base, ovvero il confronto – che poi diventa scontro aperto – tra due coppie di personaggi all’interno di uno stesso luogo e in un’unica unità di tempo.

Ma se a Roman Polanski interessava sviscerare e ridicolizzare le maschere indossate dalla rispettabilità borghese, il regista – attore di Dobbiamo parlare si concentra invece sul vissuto emotivo e sentimentale dei protagonisti, interpretato da un quartetto di attori d’eccezione.

La prima coppia è infatti composta da Rubini e da Isabella Ragonese: lui è Vanni, uno scrittore cinquantenne di successo, acclamato dalla critica, pungente e sarcastico; lei è una ragazza trentenne che segretamente è anche la ghost writer del suo compagno (i due non hanno voluto sposarsi) e che ancora non è entrata nell’ottica dell’usura di un rapporto sclerotizzato.

L’altro duo di istrioni è formato da Maria Pia Calzone (conosciuta come la Donna Imma di Gomorra – La serie, e al cinema con Io che amo solo te) e Fabrizio Bentivoglio: Costanza è una dermatologa che si sente frustrata dalla mancanza di stimoli del suo matrimonio con Alfredo, stimato chirurgo noto anche come il Professore, simpatico ma strafottente uomo in carriera troppo assorbito dal suo lavoro.

Quando questi ultimi si presenteranno non invitati a casa di Linda e Vanni, rovinando loro la serata e di fatto occupando l’appartamento, inizierà un gioco al massacro: dalle recriminazioni di Costanza, che ha scoperto il tradimento di Alfredo, si passerà a un vero e proprio tutti-contro-tutti in cui verranno disseppellite tutte le bugie, incomprensioni, gli sgarbi che sono intercorso tra i protagonisti.

Alla fine della nottata almeno una delle due coppie riuscirà a resistere alla crisi? Difficile sperarci, a giudicare dalla clip in esclusiva per Leonardo.it, in cui Costanza demolisce Alfredo in contumacia criticando le poche occasioni di intimità e la totale dedizione al lavoro.