I più giovani ricorderanno di averlo notato nel penultimo film di Quentin Tarantino, Django Unchained, in una strana scena che profumava di omaggio, mentre i cinefili più smaliziati sanno di poter gioire all’annuncio che Franco Nero (sì, era lui l’attore che dialogava con Jamie Foxx) prenderà parte al terzo capitolo della saga del pistolero che l’ha reso celebre, Django Lives.

Hollywood pare essere nuovamente interessata al western, come dimostra l’arrivo al cinema fissato per settembre del remake dei Magnifici Sette diretto da Antoine Fuqua, e allora perché lasciarsi sfuggire l’occasione di far ritornare in auge una vecchia icona?

Il regista John Sayles, in realtà autore di molto cinema indipendente a partire dai primi anni ’80, per quanto abbia anche avuto due nomination all’Oscar, ha infatti ingaggiato Franco Nero per il terzo capitolo delle avventure di Django.

Il pistolero era stato introdotto dal film omonimo del 1966 – una perla dello spaghetti western – e poi era stato ripreso in Django 2 – Il grande ritorno del 1987.

A 30 anni di distanza un terzo capitolo potrebbe rappresentare il definitivo epilogo per l’antieroe e una grande soddisfazione per l’attore ormai 75enne, che è comparso anche in titoli come Die Hard 2, Tristana e Camelot, e ha prestato la sua voce a uno dei personaggi di Cars 2.

Ancora non ci sono notizie su una data di inizio delle riprese, e la produzione sembra essere alle primissime fasi. La serie di Django è una delle più lunghe del filone western, per quanto molti dei sequel siano collegati in modo molto debole al personaggio originario.