Pur non avendo lo stesso prestigio e fama internazionale, il David di Donatello è considerato da tutto il mondo dello spettacolo come il corrispettivo italiano degli Oscar.

Per questo motivo – e poiché si tratta di un riconoscimento che viene attribuito dai professionisti del settore ai propri colleghi – per un attore ricevere questo premio rappresenta senza ombra di dubbio il coronamento di una carriera intera, nonché la possibilità di intraprendere progetti sempre più interessanti.

Giunto alla sua 62esima edizione, il David di Donatello nel corso degli anni ha visto imporsi attori e attrici che con il proprio talento hanno sbancato il tavolo, lasciando le briciole ad altri talentuosi istrioni.

Non è difficile intuire che nel palmares della premiazione vi siano attori storici della tradizione italiana, ma anche interpreti più contemporanei sono riusciti a farsi strada fra i record dei premi attribuiti dall’Accademia del Cinema Italiano.

A pari merito con 7 statuette troviamo infatti due giganti come Alberto Sordi e Vittorio Gassman, entrambi premiati solo ed esclusivamente per ruoli da protagonista. Tra le interpretazioni del premio si possono elencare capolavori come La grande guerra, Il medico della mutua, Lo scopone scientifico e Un borghese piccolo piccolo, mentre per il secondo ritorna La grande guerra, Il sorpasso, Il tigre, Profumo di donna e Caro papà.

Accanto ai due mattatori storici si è poi insinuata Margherita Buy, attrice ancora in attività che potrebbe insinuare il loro record. 5 le statuette vinte come protagonista (per Viaggio sola, Giorni e nuvole, Fuori dal mondo, La stazione e Mia madre), mentre due sono state attribuite per ruoli da non protagonista (Caterina va in città e Manuale d’amore).

Vale la pena proseguire con l’elenco degli attori pluripremiati, perché sul secondo gradino dell’ideale classifica troviamo Sophia Loren, con 6 premi, tutti come protagonista. Tra i suoi ruoli più celebrati troviamo La ciociara, Ieri, oggi e domani, Matrimonio all’italiana, Una giornata particolare e Il viaggio.

Terzo gradino per una coppia d’oro come Marcello Mastroianni e Monica Vitti, entrambi solo protagonisti dei film per cui hanno ricevuto 5 David di Donatello. Il primo per Ieri, oggi e domani, Matrimonio all’italiana, Ginger e Fred, Oci Ciornie e Sostiene Pereira, mentre l’attrice per La ragazza con la pistola, Ninì Tirabusciò, Polvere di stelle, L’anatra all’arancia e Amori miei.