A pochi giorni di distanza dalla morte di David Bowie, suo figlio Duncan Jones ha rotto parzialmente il suo silenzio sul web per pubblicare la lettera che un medico ha scritto rivolgendosi al cantante appena scomparso. Mark Taubert, questo il nome del medico inglese, ringrazia David Bowie per avergli indirettamente insegnato un metodo alternativo per approcciarsi ai malati terminali con cui lui ha quotidianamente a che fare, essendo un medico che si occupa di cure palliative per persone che si stanno per arrendere alla malattia.

La lettera che Taubert ha scritto a David Bowie è piuttosto lunga (la versione integrale in inglese potete leggerla cliccando qui) e qui ne riportiamo alcuni passaggi molto toccanti e significativi.

All’inizio di quella settimana ho avuto una discussione con un paziente in ospedale in fin di vita. Abbiamo discusso della tua morte e della tua musica, e ci siamo trovati a parlare di numerosi argomenti pesanti, che non sono sempre facili da discutere con qualcuno che sta per morire. In realtà, la tua storia è diventata un modo per noi di parlare molto apertamente della morte, qualcosa che molti medici e infermieri evitano come argomento. 

Molte persone con cui parlo durante il mio lavoro pensano che la morte avviene prevalentemente negli ospedali, in ambienti clinici, ma presumo tu hai scelto di andartene a casa pianificando questo in dettaglio. Sono state pubblicate delle foto alcuni giorni dopo la tua morte, immagini delle tue ultime settimane di vita e sono certo che molti di noi vorrebbero apparire nello stesso modo. Eri grandioso, come sempre, nonostante tutti i mostri spaventosi che ti si erano presentati durante le ultime settimane di vita“.