Uscirà questa sera, 21 giugno, nelle sale italiane il film “Cronaca di un assurdo normale”, pellicola diretta da Stefano Calvagna in cui il regista racconta la sua stessa storia.

Nel cast del film Stefano Calvagna, Chiara Ricci, Emanuele Cerman, Roberta Maria Radossi, e Claudio Vanni.

La storia di “Cronaca di un assurdo normale” inizia la notte del 17 febbraio 2009, quando qualcuno tenta di uccidere Stefano Calvagna con sette colpi di pistola all’uscita del teatro San Saba di Roma.

Da qui ha inizio la sua tragedia personale: Calvagna viene portato al carcere Regina Coeli di Roma con diverse accuse, tra le quali anche quella di avere organizzato lui stesso l’attentato in cui ha rischiato di morire.

Stefano Calvagna passerà un lungo periodo dietro le sbarre del carcere, un periodo segnato dalla disperazione di essere stato privato della sua libertà e per le condizioni di vita del carcere. Sarà solo il dialogo interiore a dare al regista la possibilità di analizzare la sua situazione e di capire i motivi per cui si è trovato in un carcere con delle accuse infamanti.

Non solo la storia della sua vita, però, il racconto di Calvagna indaga anche sulla società attuale corrotta e avida di denaro.