George Clooney era atteso al Lido di Venezia non solo per l’anteprima del suo ultimo lavoro da attore e regista, ma anche per la curiosità degli occhi più indiscreti in attesa di vedere con chi il bel George avrebbe sostituito la nostrana Elisabetta Canalis.

Nessuna novità invece si è rivelata sul versante sentimentale, Clooney sul red carpet è infatti arrivato da solo.

A Venezia Clooney non si sbilancia e preferisce parlare esclusivamente del suo film, ai giornalisti ha infatti dichiarato che il suo lavoro

“Non è un film politico, ma sulla questione della moralità: che significa essere disposti a vendere la propria anima per raggiungere un obiettivo? Avrei potuto ambientarlo anche a Wall Street, non l’ho mai considerato politico, è un film personale. Certo, la politica aumenta i rischi”.

Così George Clooney presenta tra gli applausi della stampa ‘The Ides of March‘, da lui diretto e interpretato, che ha aperto ufficialmente la 68esima Mostra di Venezia.

La pellicola in concorso, arriverà nelle nostre sale il 13 gennaio distribuita da 01.

Sono giorni di via vai per il bel Clooney che nelle serate di riposo dalla Mostra fugge direttamente nella sua casa sul Lago di Como dove nella settimana precedente la kermesse ha atteso che si aprisse il sipario sulle rive del lago in relax e in compagnia di cari amici.