Vittorio Sgarbi è un vero e proprio amante delle donne. Al settimanale “Di Più” il critico d’arte ha rilasciato un scabrosa intervista, in cui si è lasciato andare a confessioni sconcertanti. Sgarbi avrebbe a disposizione una sorta di harem, così come afferma indirettamente parlando delle sue svariate fidanzate:

“Si ama di più se i partner vivono lontano l’uno dall’altro. Io per esempio vivo così con le mie fidanzate. Al momento ne ho diciamo cinquantotto, e poi ne ho una ufficiale, Sabrina Colle, con la quale vivo un amore platonico. Quando sono lontano da loro le chiamo. E’ però molto faticoso, perché ho a disposizione solo 24 ore: circa ogni mezz’ora, appena ho un secondo libero, faccio il giro con messaggi e chiamate ma seguo un ordine di importanza“.

Sarebbero veramente tante le donne del critico d’arte, ma lui riesce a gestirle, riuscendo addirittura a selezionare le sue preferite, quelle che quindi godono di maggiori attenzioni e privilegi rispetto alle altre:

“Tutte le mie ragazze hanno una gerarchia, sono numerate, come le litografie. Quindi quelle cui sono meno legato le sento anche una volta ogni tre giorni”.

Sgarbi segue, quindi, un codice di comportamento che non fa una piega: chissà se l’harem continuerà ad essere sempre così folto o se alla fine solo una farà breccia nel cuore dell’eclettico Vittorio.