Quella precedente, la sesta edizione del Festival Internazionale del Cinema di Roma, passerà alla storia come una delle più belle e avvincenti. Dalla presenza di Richard Gere, ai numeri, agli ospiti che hanno calcato il Red Carpet dell’Auditorium della Musica capitolino, tutto è andato per il verso giusto.Ecco quali sono i premi assegnati dalla giuria internazionale, presieduta dal maestro Ennio Morricone e formata da Susanne Bier, Roberto Bolle, Carmen Chaplin, David Puttnam, Pierre Thoretton, Debra Winger:

- Premio Marc’Aurelio della Giuria al miglior film: Un cuento chino di Sebastián Borensztein

- Premio Marc’Aurelio della Giuria alla migliore attrice: Noomi Rapace per Babycall

- Premio Marc’Aurelio della Giuria al miglior attore: Guillaume Canet per Une vie meilleure

- Gran Premio della Giuria Marc’Aurelio: Voyez comme ils dansent di Claude Miller

- Premio Speciale della Giuria Marc’Aurelio: The Eye of the Storm di Fred Schepisi

- Premio Speciale alla colonna sonora della Giuria Marc’Aurelio: Ralf Wengenmayr per Hotel Lux.

Mediante un sistema elettronico, il Festival ha previsto la partecipazione degli spettatori all’assegnazione del Premio BNL del pubblico al miglior film. Il ‘popolo’ ha scelto Un cuento chino, diretto da Sebastián Borensztein.

Il Premio Marc’Aurelio all’attore è stato invece assegnato a Richard Gere, il divo di Hollywood da sempre impegnatissimo in battaglie umanitarie. Gere è il protagonista di film popolari come American Gigolo, Ufficiale e gentiluomo, Pretty Woman e interprete per autori come Robert Altman, Akira Kurosawa, Sidney Lumet, Francis Ford Coppola, Todd Haynes, Terrence Malick.