Continua la stagione trionfale di Perfetti sconosciuti. Il film girato da Paolo Genovese non si è rivelato soltanto un enorme successo di pubblico, la seconda pellicola italiana quest’anno dopo Quo Vado? con Checco Zalone, ma riceve un premio dietro l’altro e adesso ha trionfato anche ai Ciak d’oro.

Dopo la vittoria ai David di Donatello come miglior film dell’anno, e in attesa di conoscere i risultati dei Nastri d’argento di cui sono state da poco annunciate le nomination, Perfetti sconosciuti si è portato a casa quattro Ciak d’oro, i prestigiosi premi consegnati ogni anno dalla celebre rivista italiana di cinema, tra i quali anche quello di miglior pellicola.

Perfetti sconosciuti ha conquistato inoltre i premi per la miglior sceneggiatura, per il miglior attore protagonista (Marco Giallini) e per la miglior canzone originale (“Perfetti sconosciuti” cantata da Fiorella Mannoia).

Ai Ciak d’oro 2016 c’è però stata gloria anche per l’altro film italiano rivelazione della stagione, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gariele Mainetti, che si è aggiudicato anch’esso quattro riconoscimenti: miglior attore non protagonista (Luca Marinelli), miglior opera prima, miglior colonna sonora e miglior manifesto.

Tra i film protagonisti dei premi della rivista consegnati a Cinecittà c’è anche Il racconto dei racconti – Tale of Tales di Matteo Garrone, che ha conquistato i premi per la miglior regia, i migliori costumi e la miglior scenografia. Premiata pure Sabrina Ferilli, migliore attrice protagonista nella commedia di Maria Sole Tognazzi Io e lei. Il Superciak d’oro alla carriera è stato invece consegnato a Lino Banfi.

Di seguito l’elenco completo dei vincitori dei Ciak d’oro 2016.

CIAK D’ORO MIGLIOR FILM
Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese

CIAK D’ORO MIGLIOR REGIA
Matteo Garrone (Il racconto dei racconti – Tale of Tales)

CIAK D’ORO MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
Marco Giallini (Perfetti Sconosciuti)

CIAK D’ORO MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA
Sabrina Ferilli (Io e lei)

CIAK D’ORO MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
Luca Marinelli (Lo chiamavano Jeeg Robot)

CIAK D’ORO MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
Sonia Bergamasco (Quo vado?)

CIAK ALICE/GIOVANI
Un bacio di Ivan Cotroneo

CIAK D’ORO MIGLIORE SCENEGGIATURA
Filippo Bologna, Paolo Costella, Paolo Genovese, Paola Mammini e Rolando Ravello (Perfetti Sconosciuti)

CIAK D’ORO MIGLIOR FOTOGRAFIA
Luca Bigazzi (Youth-La Giovinezza)

CIAK D’ORO MIGLIORE MONTAGGIO
Jacopo Quadri (Fuocoammare)

CIAK D’ORO MIGLIORE SCENOGRAFIA
Dimitri Capuani (Il racconto dei racconti – Tale of Tales)

CIAK D’ORO MIGLIORI COSTUMI
Massimo Cantini Parrini (Il racconto dei racconti – Tale of Tales)

CIAK D’ORO MIGLIOR SONORO IN PRESA DIRETTA
Angelo Bonanni e Diego De Santis (Veloce come il vento)

CIAK D’ORO MIGLIOR COLONNA SONORA
Michele Braga e Gabriele Mainetti (Lo chiamavano Jeeg Robot)

CIAK D’ORO MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
Fiorella Mannoia, Bungaro e Cesare Chiodo (Perfetti Sconosciuti)

CIAK D’ORO MIGLIOR PRODUTTORE
Kimera Film, Rai Cinema, Taodue (Non essere cattivo)

CIAK D’ORO MIGLIOR MANIFESTO
Daniele Moretti per Big Jellyfish (Lo chiamavano Jeeg Robot)

CIAK D’ORO SPECIALE SERIAL MOVIE
Miriam Leone (Non uccidere)

CIAK D’ORO MIGLIOR OPERA PRIMA
Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti

SUPERCIAK D’ORO
Lino Banfi

CIAK D’ORO BELLO & INVISIBILE
Bella e perduta di Pietro Marcello

CIAK D’ORO RIVELAZIONE DELL’ANNO
Greta Scarano (Suburra)
Alessandro Borghi (Suburra e Non essere cattivo)