Vi siete mai chiesti cosa fareste se una mattina vi svegliaste e scopriste di avere dei poteri telecinetici? “Di sicuro non vi cucireste un costume attillato né comincereste a volare tra i palazzi per salvare il mondo”, è l’asciutta risposta di Dane DeHaan, la giovane star di Chronicle, il film in uscita nelle sale cinematografiche.

Consapevole che dei super poteri nelle mani di un adolescente potrebbero essere un’arma a doppio taglio e che quelle capacità strabilianti rischierebbero di creare non poche situazioni al limite della degenerazione, il protagonista Andrew è arrabbiato, ma anziché comportarsi come un adolescente chiudendosi in camera sbattendo la porta, per scaricare la tensione se ne va da uno sfasciacarrozze a distruggere macchine con il pensiero.

Effetti speciali assicurati per ottenere l’effetto desiderato e stupire lo spettatore che sarà affascinato dalla scena. La faccenda si farà molto più cupa e seria quando Andrew e i suoi compagni, dotati anch’essi di superpoteri, cominceranno a considerare le proprie potenzialità con maggiore responsabilità.

Figli dell’era dei social network, il primo istinto di questi adolescenti superdotati è quello di documentare on line le proprie gesta, sorprendendo il pubblico con sequenze spettacolari ottenute con reali effetti visivi creati direttamente sul set.

“L’aspetto migliore di questo lavoro è stata la possibilità di fare cose che nella vita reale non faresti davvero” ha commentato divertito DeHaan. “Ti applaudono per fare cose che, nella vita vera, sarebbero inaccettabili”.