Lo chef Bruno Serato, che una ventina di anni fa aprì negli Stati Uniti l’Anaheim White House, poi divenuto locale amato dalle star di Hollywood, è stato selezionato nella rosa dei candidati dall’emittente CNN, per la sua attività di beneficenza  rivolta ai bambini poveri della città.

Al cuoco di origini italiane – una volta umile lavapiatti – l’idea di preparare un piatto di pasta ogni sera per sfamare i più piccoli e meno fortunati abitanti di Orange County, gli è stata suggerita da sua madre.

La cucina di Bruno Serato oggi è invece talmente rinomata da aver attratto nomi altisonanti come quelli di Sofia Loren, Bob De Niro o Susan Sarandon, ma il fatto che il cuoco nato a Verona, sia interessato anche e soprattutto alla fascia più debole della società è già stato ampiamente dimostrato e lo sarà oltremodo se lo chef vincerà i 250 mila dollari messi in palio dalla CNN hero 2011.

Bruno Serato, infatti, che prepara ogni giorno la cena a base di pasta per i bambini che affollano il centro Boys&Girl Club, se vincerà il premio lo devolverà alla causa.

I soldi andranno ad integrare il suo progetto visto che, come ha dichiarato Serato

« Questi bambini mangiano solo a scuola o al centro, a casa non hanno una cucina. In estate non vanno a scuola, quindi non fanno né pranzo, né colazione. I miei spaghetti serali non bastano».