Qualche giorno fa Cate Blachett aveva rilasciato un’intervista a Vanity Fair che aveva suscitato parecchio scalpore. Secondo quanto riportato dalla rivista, infatti, l’attrice avrebbe dichiarato di aver avuto diverse relazioni con donne (leggi qui tutte le sue dichiarazioni sulla bisessualità). Un’affermazione, questa, che aveva portato i più a ritenere che l’attrice, oggi mamma di quattro bambini, fosse lesbica o quantomeno bisessuale.

Presente da questa mattina al festival di Cannes, per il film Carol, Cate Blanchett ha però seccamente smentito le voci e precisato quanto è stato riportato su Vanity Fair. La bellissima attrice australiana ha infatti spiegato di essere stata fraintesa e che lei non è mai stata lesbica. La Blanchett ha sì affermato di aver avuto relazioni con donne in passato ma che non avrebbe mai specificato che si trattasse di relazioni di tipo sessuale.

L’attrice si aspettava che l’argomento sarebbe stato affrontato dai giornalisti presenti sulla Croisette ma è stata davvero molto ferma e decisa nelle sue affermazioni: “Non sono omosessuale e questo argomento dovrebbe riguardare il privato. Siamo nel 2015 non nel 1950 come nel film Carol e a chi importa?“.

Cate Blacnhett fa ovviamente riferimento alla trama del film in cui recita, presentato al Festival di Cannes di quest’anno: si tratta di Carol di Todd Haynes, in cui viene raccontato l’amore saffico tra le due protagoniste. L’attrice ha anche dichiarato: “Si tratta di affari privati, aspetti della propria personalità e comunque la mia vita non deve interessare gli altri. Chiamatemi antica ma penso che un attore non debba guardare al proprio noioso, microscopico universo ma arrivare ad una connessione empatica e psicologica con il ruolo che sta interpretando. Solo così può regalare emozioni al pubblico. La mia vita vera non è di alcun interesse a nessun altro“.

Cate Blanchett non ha parlato soltanto della sua situazione personale però. L’attrice si è scagliata anche contro Hollywood: “C’è un crescente coro sul sessismo ad Hollywood ed è importante parlarne. Penso sia caduto dall’agenda e penso che invece bisogna riprenderlo decisamente”.