Mara Venier intervistata da Bianca Berlinguer a Cartabianca ricorda la sua carriera televisiva, l’incontro con Arbore e dichiara di voler lasciar spazio ai giovani in televisione. Bianca Berlinguer anche nell’ultima puntata di Cartabianca riserva un’intervista a un personaggio televisivo popolare così dopo Simona Ventura della scorsa puntata ecco che l’ex direttrice del tg3 invita la signora della domenica Mara Venier. La bionda conduttrice confessa che deve la sua popolarità e l’amore del pubblico proprio  alla sua esperienza a Domenica In: “Domenica In è stato il programma che mi ha dato tantissimo ma quando ho cominciato nel ’93 le domeniche erano diverse da quelle di oggi. Sono legata sentimentalmente a quel programma, è come il primo amore che non si scorda mai. Mi ha dato non solo la popolarità ma anche l’affetto del pubblico, che ancora rimane”.

Oggi ha trovato una nuova giovinezza televisiva partecipando in molte trasmissione Mediaset con un ruolo di secondo piano, spesso opinionista e voce del popolo. Mara Venier è pronta a lasciare la televisione? Probabilmente no ma dice che è necessario fare qualche passo indietro: “Bisogna capire quando è il momento di fare un passo indietro. Bisogna finire una carriera quando si è ancora apprezzati, me l’ha insegnato Arbore. Non bisogna finire quando tutto diventa complicato e difficile. Bisogna anche dare spazio ai nuovi arrivati. I giovani talenti? Il numero uno è Fiorello, anche se non è più tanto giovane. Escluso Sanremo, mancano gli eventi in tv. Quelli della Notte era un appuntamento-evento, sento la mancanza di un programma del genere”

Se Mara fosse a capo di una televisione questa sarebbe la sua idea per gestirla: “Il pubblico non si diverte più, ha ragione Arbore. O forse si diverte in maniera diversa. I programmi di Arbore sono rimasti nel cuore degli italiani, ha fatto una rivoluzione a livello televisivo”.

Riguardo una sua possibile candidatura in politica, qualche anno fa pareva fosse voluta da Berlusconi come candidata a sindaco di Venezia, ammette: “Non basta essere popolare per fare il sindaco. Non sarei stata onesta nell’accettare”.

Oggi Mara Venier è sicuramente ancora amata da tantissimi italiani ma, a suo modo, ha già iniziato a fare qualche passo verso le quinte.