Un omaggio pieno di gratitudine quello di Carlo Verdone ad Alberto Sordi, suo padre artistico insieme a Sergio Leone: un documentario, Alberto il grande, realizzato con il fratello Luca Verdone, dedicato alla vita del grande attore scomparso dieci anni fa.

Io credo che il fenomeno Sordi – dichiara Verdone – abbia rappresentato perfettamente il DNA italiano nei suoi innumerevoli tic, difetti, anche pregi, spesso infantili, spesso mammoni, con grande cuore o un grande cinismo“.

Un prodotto corale che dà voce a coloro che hanno avuto la fortuna di recitare al fianco dell’Albertone nazionale: Christian De Sica, Gigi Proietti, Claudia Cardinale ricostruendone la carriera, ma anche la sfera privata: “Era tanto anarchico, sorridente, compagnone trasgressivo fuori casa, e a casa no, era un uomo pieno di abitudini, pieno anche di rituali in qualche modo, però sempre nel silenzio”.

Il documentario sarà proiettato in anteprima a Roma e poi girerà per le scuole, nelle università, nei festival, negli Istituti di cultura: “Si sente sempre più l’esigenza – spiega il regista – di omaggiare un passato pieno di dignità, un periodo in cui c’erano grandi attori, grandi scrittori. I giovani hanno bisogno di capire cosa c è stato prima, perché se studiano solo David Lynch o Tarantino, è finita. Io li amo, tutti e due, ma dobbiamo capire cosa c è stato prima nel nostro cinema, perché è stato grande, e come facciamo a farlo ritornare grande?“.