Quello di Carlo Conti è stato il Festival di Sanremo degli ascolti record. Ovvio, quindi, che il conduttore Rai sia in pole anche per l’edizione dell’anno prossimo. La sua non sarà certo una scelta facile: come ha dichiarato lui stesso in conferenza stampa, sarà molto difficile ripetere i dati di ascolto, quasi impossibile come ammette lui stesso.

Al momento non sappiamo ancora, quindi, se Carlo Conti vorrà tornare ad essere direttore artistico e conduttore anche per il 66esimo Festival di Sanremo. Di sicuro è davvero troppo presto per una decisione del genere, visto che la manifestazione canora si è conclusa solo da un paio di giorni e Conti è stato piuttosto chiaro in merito: “L’ho detto più volte, Sanremo è la mia terza casa, è il luogo che ho frequentato di più dopo Firenze e Roma. Magari ci tornerò in vacanza, ma credo sia prematuro pensare a un nuovo festival, datemi un mese di tempo“.

Se dovesse fare una previsione, Carlo Conti direbbe, orientativamente, che no, non vorrebbe tornare a condurre Sanremo anche nel 2016. E in effetti sarebbe un bel rischio: l’edizione dell’anno prossimo verrebbe continuamente paragonata a quella dell’anno prima e anche un minimo dato inferiore sul numero degli ascolti, per quanto alto, potrebbe essere bollato come flop. Insomma, Conti dovrebbe battere Conti e fare certamente meglio. Una scelta da ponderare bene e per cui occorre del tempo.

Sempre durante la conferenza stampa, Carlo Conti, scherzando, ha dichiarato che forse a Sanremo sarebbe sì tornato ma magari fra 3, 5 o 20 anni. E che comunque battere il risultato migliore dell’ultimo decennio – quello da lui stesso registrato, appunto – è quasi una sorta di mission impossibile. Ad ogni modo, però, il conduttore non ha escluso il bis. La decisione ufficiale sarà però rivelata fra qualche mese, a giugno, come ha ricordato il direttore di Rai Uno Giancarlo Leone.