Un innocente bacio sulla guancia, un saluto consueto per noi occidentali, ma evidentemente non per Teheran che sembra essersi moto alterata per via dello scambio di pudica affettuosità tra l’attrice iraniana Leila Hatami (scopri qui tutte le altre donne presenti alla kermesse) ed il presidente di giuria del Festival di Cannes: Gilles Jacob, in occasione del loro incontro alla serata inaugurale della 67ma edizione del Festival di Cannes.

L’attrice, conosciuta in tutto il mondo per il suo ruolo nella pellicola Una separazione di Asghar Farhadi, premiato nel 2012 con l’Oscar come miglior film straniero, è stata fortemente criticata per il suo pudico gesto considerato, secondo quanto dichiarato dal viceministro alla Cultura del suo Paese, Hossein Noushabadi, citato dal sito web dell’emittente ‘Irib’, un affronto alla “castità” delle donne iraniane.

Artista o meno,  - ha sbottato Noushabadi – la donna iraniana è simbolo di castità e innocenza, per cui un atteggiamento inappropriato (tenuto) di recente al festival di Cannes non rispetta i nostri principi religiosi“. Secondo la legge islamica in vigore in Iran dal 1979, infatti, una donna non può avere contatti fisici con un uomo che non sia un familiare.

(Foto by InfoPhoto)