All’anagrafe Robert Allen Zimmerman, Bob Dylan nasce il 24 maggio 1941 a Duluth, in Minnesota. Inserito dal TIME tra le cento più influenti personalità del XX secolo, definirlo semplicemente ‘cantautore’ e ‘compositore’ sarebbe riduttivo: scrittore, poeta, raffinato interprete e ancora attore, pittore, scultore e conduttore radiofonico, Bob Dylan è una tra le più importanti figure degli ultimi 50 anni in campo musicale, in quello della cultura popolare e della letteratura mondiale. Recentemente insignito della Medaglia presidenziale della libertà (più alta onorificenza civile degli Stati Uniti), nel 2008 gli è stato consegnato lo speciale Premio Pulitzer per “il profondo impatto sulla musica pop e sulla cultura americana, grazie a testi dalla straordinaria forza poetica”. Ha inoltre ottenuto il Polar Music Award svedese nel 2000 (equivalente del premio Nobel in campo musicale), diverse lauree ad honorem e numerose altre onorificenze.

Tra i più grandi poeti viventi, nonchè uno tra i più importanti songwriter di sempre, dopo 5 decenni di musica (con oltre 125 milioni di dischi venduti nel mondo) e raggiunto l’importante traguardo dei ¾ di secolo, a fermarsi, tuttavia, Bob Dylan non ci pensa neanche lontanamente. Per celebrare con tutti i suoi fan questi 75 anni, ecco arrivare “Fallen Angels”, suo 37esimo disco in carriera; un album in cui il cantautore americano rilegge 12 grandi classici del canzoniere Usa, firmati, tra gli altri, da compositori del calibro di Johnny Mercer, Harold Arlen, Sammy Cahn e Carolyn Leigh e incisi insieme alla sua band ai Capitol Studios di Hollywood nel 2015. Prodotto da Jack Frost, Fallen Angels si propone come il seguito ideale di “Shadows In The Night“, pubblicato nel 2015 e descritto da Neil McCormick del Telegraph come un’opera “spettrale, dolceamara, affascinante e toccante“, “la migliore performance vocale di Dylan da 25 anni a questa parte“.

Di ritorno dai concerti in Giappone ed in concomitanza con la presentazione del nuovo disco, Bob Dylan ha inoltre annunciato un nuovo tour negli Stati Uniti per i mesi di giugno e luglio, con già ben 27 tappe programmate negli Stati Uniti.

Per i suoi 75 anni, Sky Arte dedica al menestrello d’America e alla sua strabiliante carriera, la speciale Bob Dylan Night, con una programmazione dedicata tra documentari, interviste, filmati e molto altro ancora, mentre su Sky Cinema Cult, questa sera andrà in onda il film “Io non sono qui” di Todd Haynes, in cui sei attori d’eccezione (Christian Bale, Cate Blanchett, Marcus Carl Franklin, Richard Gere, Heath Ledger e Ben Whishaw) interpretano il cantautore nelle varie tappe della sua vita: dagli esordi al suo successo di folksinger, passando attraverso la contestata svolta rock, il fermento religioso e l’impegno politico.