La giovane attrice Demi Lovato, ha dovuto interrompere la sua carriera perché vittima di gravi disturbi dell’alimentazione, inclusa la sua partecipazione in “Sonny With a Chance” in onda sul canale della Disney, al cui colosso, poi, ha avuto a rimproverare, attraverso pubblici commenti postati sul social network Twitter, la messa in onda di alcuni episodi prodotti, in cui si ironizzava sull’anoressia.

La Lovato, infatti, in seguito all’episodio “Shake it Up” in cui il personaggio di una top model affermava «potrei mangiarvi in un boccone, se solo mangiassi», rivolgendosi agli attori Zendaya Coleman e Bella Thorne, ha manifestato il rancoroso sdegno, perché afflitta da gravi problemi di bulimia.

Demi Lovato durante i primi mesi del 2011 aveva pubblicamente dichiarato di essere stata costretta a ritirarsi dalle scene perché malata, perciò ha attaccato la Disney con queste parole:

Trovo molto divertente che la Disney perda una delle sue attrici per le pressioni su un disturbo alimentare e scherzi ancora su queste malattie. Cosa stiamo promuovendo qui?

Sono perciò seguite le altrettanto pubbliche scuse da parte della società fondata da Walt Disney con una promessa espressa dalle parole:

@ddlovato – abbiamo letto quello che hai scritto e ritireremo i due episodi il più velocemente possibile per rivalutarli. Non è MAI nostra intenzione trattare con leggerezza i disturbi alimentari.

La Lovato non ha potuto che ringraziare per aver ricevuto una subitanea replica da parte della Disney e non ha seguitato a polemizzare contro il fatto che su Disney Channel non compaiano più  attrici come Hilary Duff e Raven Symone, con qualche chilo in più.