Vittorio Brumotti, l’inviato di “Striscia la notizia”, è stato aggredito oggi pomeriggio durante un’inchiesta sulla droga a Palermo. Si trovava nel quartiere Zen per documentare come avviene e soprattutto da chi è gestito lo spaccio di stupefacenti quando, intorno alle 16, appena uscito dall’auto, è stato insultato, minacciato di morte e aggredito con lancio di sassi da parte di un folto gruppo di abitanti del quartiere, così come riferisce l’ufficio stampa del tg satirico di Canale 5 che ne dà notizia.

La troupe di “Striscia la notizia” è subito rientrata nell‘auto blindata per ripararsi dagli aggressori, sempre più violenti, ma all’improvviso il tetto del mezzo su cui erano seduti è stato sfondato da un pesante blocco di cemento lanciato da un piano alto di una casa e la portiera è stata perforata da un colpo di arma da fuoco, probabilmente una calibro 12 (che la Polizia sta esaminando in queste ore).

Gli inquirenti, adesso, stanno cercando di ricostruire meglio la dinamica dei fatti: un irruzione, quella di “Striscia”, che sarebbe potuta finire in tragedia. Brumotti e i suoi collaboratori sono riusciti a mettersi in salvo solo grazie all’intervento tempestivo della Polizia e dei Carabinieri di Palermo. Fortunatamente nessuno di loro ha riportato ferite.